Cucinare le uova sode nella friggitrice ad aria

uova-sode-nella-friggitrice-ad-aria-

UOVA SODE COTTE AL PUNTO GIUSTO

Cucinare le uova sode nella friggitrice ad aria è molto semplice e veloce, più del tradizionale pentolino di acqua sul fuoco. Con questa tecnica tutto sarà più facile, ecco come fare.

CONSIGLIATI PER QUESTA RICETTA

DIFFICOLTÀ: FACILE
PREPARAZIONE: 4 min
COTTURA: 13
COSTO: basso

INGREDIENTI

uova a temperatura ambiente

COME CUCINARE LE UOVA SODE NELLA FRIGGITRICE AD ARIA

PROCEDIMENTO

Uova sode nella friggitrice ad aria sono l’ultima frontiera di questo innovativo sistema di cottura ad aria calda, basterà impostare il tempo esatto della friggitrice ad aria. In questo modo otterremo risultati perfetti senza quel colore verdastro, tipico della cottura in acqua. Come requisito fondamentale usiamo uova a temperatura ambiente e, naturalmente, fresche. Se hai dei dubbi, ho scritto una guida su come capire se le uova sono fresche.

Prima di iniziare, preriscaldiamo la friggitrice ad aria a 150° per 2 minuti. Inseriamo le uova a temperatura ambiente nel cestello e impostiamo 130° per 13 minuti con uova medie. Se le uova sono piccole impostiamo 11 minuti, se sono grandi 15 minuti. Per una cottura alla coque, impostiamo 165° per 8 minuti. Trascorso il tempo preleviamo le uova e le immergiamo in acqua fredda, meglio ghiacciata, come facciamo solitamente con il procedimento tradizionale.

Per sbucciare le uova sode possiamo batterle sul piano di lavoro per rompere il guscio, poi le laviamo sotto l’acqua corrente. Si possono usare per le preparazioni preferite, oppure da gustare semplicemente con un filo di olio e del sale. Le possiamo conservare in frigorifero per un massimo di 3 giorni ma senza sbucciarle.

Il tempo di cottura può variare a seconda dei diversi modelli di friggitrice ad aria e delle loro marche. Prima di cuocerle sperimentiamo la tempistica con un solo uovo, in seguito possiamo regolarci con più precisione.

SUGGERIMENTO

Le uova sode possono essere usate per condire piatti di pasta al forno o insalate di riso e pasta. Sono perfette da farcire con il tonno e da usare nelle insalate con più ingredienti, come le carote julienne e i pomodorini con la feta.

SEGUIMI SUI SOCIAL

noi single in cucina youtube

Carote glassate miele e noci

carote glassate miele e noci

CAROTE GLASSATE MIELE E NOCI

Le carote glassate sono un piatto vegetariano, facile da preparare, ottimo anche come accompagnamento a piatti di carne o pesce. Dal sapore delicato, si sciolgono in bocca che è un vero piacere!

CONSIGLIATI PER QUESTA RICETTA

DIFFICOLTÀ: FACILE
PREPARAZIONE: 15min
COTTURA: 25 min
COSTO: basso
icona air fryer

RICETTA ADATTA ALLA COTTURA NELLA FRIGGITRICE AD ARIA

INGREDIENTI

5 carote
1/2 spicchio d’aglio
timo
olio evo
2 cucchiai di miele chiaro
1/2 bicchiere vino bianco
sale grosso q.b.
nocciole tostate

CAROTE GLASSATE MIELE E NOCI

PROCEDIMENTO

Le carote glassate sono un contorno facile da preparare. Prima di iniziare, accendiamo il forno ventilato a 200°, oppure a 180° se statico. Le carote che ho scelto per questa ricetta sono quelle col ciuffo, ma vanno bene anche quelle senza, l’unica accortezza che dobbiamo avere è quella di tagliare il ciuffo lasciando solo qualche centimetro (4 o 5) come decorazione.

Sbucciamole e mettiamole in una teglia da forno e, se dovessero essere troppo grandi, tagliamole a metà nel verso della lunghezza. Versiamo sopra dell’olio evo, qualche chicco di sale grosso e del timo fresco, mescoliamo accuratamente le carote in modo da avvolgerle nei sapori e disponiamole una accanto all’altra. Facciamo cadere dall’alto del miele, in modo da ricoprirle, poi aggiungiamo mezzo spicchio di aglio senza sbucciarlo e infine il vino.

Inforniamo le carote per circa 20 minuti in un mini forno elettrico a 180°. Controlliamo la cottura per lasciarle ben caramellate e tenere dentro. Se dovesse essere necessario, possiamo aggiungere mezzo bicchiere di acqua tiepida durante la cottura. Nel frattempo, riscaldiamo una padella antiaderente sul fuoco e tostiamo le nocciole a fiamma bassa per alcuni minuti, scuotendo spesso la padella per farle ruotare e tostare uniformemente.
Serviamo le carote glassate con qualche fogliolina di timo fresco, spolverandole con le nocciole tostate e tritate grossolanamente.

icona air fryer

Prerisclada la friggitrice ad aria a 200° per 4 minuti. Disponi le carote sul fondo del cestello di cottura, togli la grata forata, oppure usa una teglia adatta. Cuoci a 180° per 15 minuti rigirandole a metà cottura. Aggiungi altri 5 minuti e alza la tempertaura a 200°.

SUGGERIMENTO

Per tritare le nocciole grossolanamente, possiamo metterle in un sacchetto per il congelatore e, una volta chiuso e ben avvolto su se stesso, procediamo a batterlo con un martello per la carne.

SEGUIMI SUI SOCIAL

noi single in cucina youtube

Chips di patate con friggitrice ad aria

chips-di-patate-con-friggitrice-ad-aria

CHIPS DI PATATE CON FRIGGITRICE AD ARIA: ECCO IL SEGRETO

Chips di patate con friggitrice ad aria sono talmente sfiziose che ne mangeresti una dietro l’altra. Le prepariamo con la nostra air fryer senza usare olio. Ecco come fare.

CONSIGLIATI PER QUESTA RICETTA

DIFFICOLTÀ: FACILE
PREPARAZIONE: 10 min
COTTURA: 25
COSTO: basso

INGREDIENTI

2 patate medie 300 g
1 cucchiaino di olio evo
sale

CHIPS DI PATATE CON FRIGGITRICE AD ARIA

PROCEDIMENTO

Le chips di patate con friggitrice ad aria sono lo snack ideale da servire in qualsiasi momento della giornata. Perfette per un aperitivo o da stuzzicare prima dei pasti, si prestano anche come contorno per hamburger e carne alla griglia. Per questa preparazione uso la friggitrice ad aria (qui puoi trovare molti modelli) che mi garantisce un risultato leggero e senza olio.

Laviamo le patate e le spazzoliamo bene per mantenere la buccia, poi le tagliamo sottili con l’aiuto di una mandolina (qui ne trovi alcune). Possiamo anche tagliarle al coltello ma dobbiamo mantenere uno spessore leggero di circa 2/3 millimetri. Terminato il taglio le mettiamo in ammollo in una boule piena di acqua per circa 20 minuti, in questo modo perderanno tutto l’amido esterno.

Scoliamo l’acqua e tamponiamo le chips di patate su di un canovaccio pulito per asciugarle completamente. Preriscaldiamo la friggitrice ad aria con il suo programma, oppure per 4 minuti a 200°. Mettiamo le patate in una boule e aggiungiamo il sale, un cucchiaino di olio evo e mescoliamo bene con le mani per fare aderire il condimento. Terminato il preriscaldamento, inseriamo le chips nel cestello e impostiamo il programma di cottura su “fries”, oppure 190° per 25 minuti.

 Ricordiamoci di girarle a metà cottura o di impostare il campanello su “shake”. Serviamo le chips di patate con una maionese appena fatta (qui la ricetta).

SUGGERIMENTO

Questa ricetta possiamo condirla con aghi di rosmarino, del pepe, della paprika o spezie fresche tagliate al coltello.

SEGUIMI SUI SOCIAL

noi single in cucina youtube

Cipolle ripiene

cipolle ripiene
cipolle ripiene

Le cipolle ripiene sono un antipasto ideale e goloso

Le cipolle ripiene sono un buon contorno, ricco di gusto grazie al connubio sapido della pancetta. Perfette anche per chi è scettico verso la cipolla, sono il piatto ideale per l’inverno.

 

DIFFICOLTÀ: facile
PREPARAZIONE: 10 min
COTTURA: media
COSTO: basso

INGREDIENTI

2 cipolle bianche
pane per toast
pancetta affumicata 100 g
parmigiano
alloro
timo
latte
sale
paprika

CIPOLLE RIPIENE

PROCEDIMENTO

Le cipolle ripiene sono un piatto gustoso e versatile, infatti possono essere servite sia come antipasto che come contorno. Questa ricette ha moltissime varianti nel ripieno, io ho scelto una versione semplice e facile nella sua preparazione. Posiamo aiutarci con il cutter di un frullatore ad immersione oppure con un semplice tagliere.

Sbucciamo le cipolle e le priviamo del primo strato, le mettiamo in acqua bollente per alcuni minuti per ammorbidire la parte interna. Scoliamole e tagliamo la calotta superiore in orizzontale, poi togliamo la parte interna che taglieremo al coltello o con un mini robot da cucina. Scaldiamo una padella antiaderente e versiamo dell’olio evo con una foglia di alloro. Versiamo la cipolla che abbiamo tritato e anche la pancetta affumicata, rosoliamo a fuoco basso fino ad ammorbidirla.

In una boule mettiamo del pane in cassetta e qualche cucchiaio di latte per ammorbidirlo. Versiamo la cipolla con la pancetta che abbiamo cotto, togliendo la foglia di alloro. Aggiungiamo qualche cucchiaio di parmigiano grattugiato, del sale, del timo e della paprika. Prepariamo la farcitura con la quale riempire le cipolle. Mettiamole in una pirofila da forno e aggiungiamo un mestolo di brodo per non farle seccare in cottura. Usiamo il forno statistico a 180° per circa 25-30 minuti.

Appena saranno tiepide possiamo impiattare le cipolle ripiene con qualche rametto di timo fresco e della glassa di aceto di mele.

SEGUIMI SUI SOCIAL

noi single in cucina youtube

Asparagi capperi e mandorle

asparagi-capperi-e-mandorle
asparagi-capperi-e-mandorle

Asparagi capperi e mandorle, il contorno si fa chic

Gli asparagi capperi e mandorle sono una ricetta primaverile realizzata con pochi e semplici ingredienti. Facile da preparare è perfetta anche per chi segue una dieta vegana.

DIFFICOLTÀ: facile
PREPARAZIONE: 10 min
COTTURA: veloce
COSTO: basso

INGREDIENTI

150 g di asparagi
un cucchiaio di capperi sottaceto
un cucchiaio di mandorle a lamelle.
burro
olio evo
pepe

ASPARAGI CAPPERI E MANDORLE

PROCEDIMENTO

Per gli asparagi capperi e mandorle possiamo usare quelli di stagione se ci troviamo fra marzo e maggio, in alternativa sono ottimi anche quelli surgelati, rispettiamo le regole quando li scongeliamo. Laviamo bene gli asparagi poi su di un tagliere pulito procediamo a tagliare la parte finale del gambo più fibrosa. In una padella antiaderente facciamo scaldare a fuoco basso un filo di olio evo, poi aggiungiamo gli asparagi appena puliti.

Cuociamo per circa 15/20 minuti a fuoco gentile, non serve avere la fiamma vivida. Trascorso il tempo possiamo unire il burro e un trito al coltello di capperi, in questo modo porteranno sapore e sapidità. Con una paletta o pinza per cibo mantechiamo delicatamente il tutto. Uniamo le mandorle a lamelle e una sbruffata di pepe, spegniamo la fiamma e lasciamo riposare qualche minuto prima di servire.

SEGUIMI SUI SOCIAL

noi single in cucina youtube

Verdure grigliate: come cucinarle e come condirle

verdure-grigliate
verdure-grigliate

Verdure di stagione ideali per molte ricette

Le verdure grigliate sono perfette per accompagnare qualsiasi secondo. Ottime anche come piatto unico durante l’estate. Le possiamo preparare in anticipo e gustarle a temperatura ambiente.

DIFFICOLTÀ: facile
PREPARAZIONE: 10 min
COTTURA: 10 min
COSTO: basso

INGREDIENTI

1 zucchina
1 melanzana
1 peperone
1 cipolla
1 patata
olio evo
sale e pepe
aglio
aceto di vino bianco
rosmarino

VERDURE GRIGLIATE

PROCEDIMENTO

Le verdure grigliate sono il contorno perfetto per usare gli ortaggi di stagione. Solitamente usiamo zucchine, melanzane e peperoni, ma possiamo anche grigliare i pomodori, le patate, le cipolle, oltre al radicchio o all’indivia belga. Per cuocere queste verdure possiamo usare una griglia, una padella fornetto, una padella antiaderente o una bistecchiera elettrica per una cottura perfetta! Prima di iniziare, scaldiamo una griglia sul fuoco a temperatura bassa e laviamo gli ortaggi scelti. Per avere una cottura omogenea è sempre meglio tagliarli a listarelle della stessa dimensione, soprattutto per lo spessore. Appena la griglia sarà ben calda, possiamo iniziare a cuocere le verdure, ci aiutiamo con una pinza da cottura per posizionarle sulla piastra. In questa fase, ma anche in quella precedente, sconsiglio di usare il sale, questo disidraterebbe le verdure.

Meglio usarlo quando saranno cotte. Controlliamo la cottura e rigiriamo a metà non appena vediamo i tipici segni della griglia impressi sugli ortaggi. Prepariamo il condimento per le verdure grigliate con una leggera marinatura di olio e aglio, a questa mi piace aggiungere sempre del rosmarino fresco tagliato al coltello, ma qualsiasi altro odore andrà bene. Regoliamo di sale e pepe, se vi piace potete usare anche del peperoncino. Come ultimo tocco uso qualche goccia di aceto di vino bianco o di mele, il leggero contrasto rende le verdure ancora più gustose.

SUGGERIMENTO

Le verdure grigliate sono ottime anche per essere usate in diverse ricette. Possiamo usare le zucchine per saltarle con la pasta e un cucchiaio di pesto al basilico. Le melanzane grigliate possono sostituire quelle fritte per una parmigiana più light!

SEGUIMI SUI SOCIAL

noi single in cucina youtube

Carciofi trifolati

carciofi-trifolati
carciofi-trifolati

Avete mai provato a prepararli in questo modo?

I carciofi trifolati sono un contorno gustoso dal sapore delicato che mette d’accordo tutti. Ottimo per accompagnare sia i piatti di carne che di pesce. Sono una ricetta semplice da preparare, vediamo come fare.

DIFFICOLTÀ: media
PREPARAZIONE: 20 min
COTTURA: 25 min
COSTO: basso

INGREDIENTI

2 carciofi di media grandezza
1 spicchio di aglio
prezzemolo
1 limone
1 dado per brodo
olio extra vergine d’oliva

CARCIOFI TRIFOLATI

PROCEDIMENTO
I carciofi trifolati non sono difficili da preparare. Iniziamo pulendo i carciofi seguendo il metodo tradizionale, poi li tagliamo a metà e ancora a metà: fino ad ottenerne 8 spicchi. Eliminiamo la parte centrale, detta “barbetta”, di ogni spicchio. Prepariamo dell’acqua acidulata dove immergere i carciofi per non farli annerire. A questo punto la parte più noiosa è finita. Scaldiamo una padella antiaderente sul fuoco e versiamo dell’olio evo con uno spicchio di aglio diviso a metà. Scoliamo bene i carciofi dall’acqua acidulata e li mettiamo direttamente in padella a fiamma vivace per alcuni minuti.

Aggiungiamo del prezzemolo (va bene anche quello surgelato), mezzo bicchiere di acqua e un dado per brodo. Abbassiamo la fiamma e lasciamo cuocere dolcemente per circa 20 minuti. Se vediamo che durante la cottura i carciofi dovessero asciugarsi, non dobbiamo fare altro che aggiungere ancora dell’acqua. Per essere sicuri di aver concluso la cottura, infilziamo con una forchetta il gambo di un carciofo, se risulterà morbido possiamo spegnere il fuoco e lasciare riposare i carciofi trifolati prima diservirli. Guarda il video della ricetta qui sotto.

SUGGERIMENTO

I carciofi sono noiosi da pulire e tendono ad ossidarsi in pochissimi minuti. Durante la pulizia anche le nostre mani subiranno lo stesso processo. Per ovviare al problema è bene riempire una ciotola di acqua e spremerci il succo di un limone intero. Nell’acqua acidulata che abbiamo preparato, lasceremo in ammollo i carciofi puliti prima della cottura. Per salvaguardare le nostre mani non dobbiamo fare altro che bagnarle continuamente col succo di un limone oppure strofinarle di continuo nel limone spremuto per l’acqua. Se questa operazione ci risulta scomoda possiamo tranquillamente usare dei guanti di lattice adatti al trattamento degli alimenti.

SEGUIMI SUI SOCIAL

noi single in cucina youtube

Insalata di cetrioli e pere

insalata-di-cetrioli-e-pere
insalata-di-cetrioli-e-pere

Un contorno saporito dal contrasto interessante

L’insalata di cetrioli e pere è un ottimo contorno dal gusto fresco e leggero. Perfetta in estate, ottima anche come secondo piatto. La freschezza del cetriolo non mancherà di lasciarvi la bocca sgrassata e rigenerata.

DIFFICOLTÀ: facile
PREPARAZIONE: 5 min
COSTO: basso

INGREDIENTI

1 pera kaiser
1 cetriolo
50 g di feta greca
1 limone
timo fresco
olio evo
aceto balsamico
sale e pepe

INSALATA DI CETRIOLI E PERE

PROCEDIMENTO

L’insalata di cetrioli e pere è veramente facile da preparare. Partiamo dalla pera kaiser, la laviamo sfregandola bene con una spugnetta, ci appoggiamo su di un tagliere e la tagliamo a fette sottili con tutta la buccia. Disponiamo le fette sul piatto e le irroriamo con il succo di limone, in questo modo non si ossideranno. Ora facciamo la stessa cosa con il cetriolo, lo tagliamo a fette sottili nel verso della lunghezza, poi lo disponiamo sopra la pera formando dei riccioli. Tagliamo anche qualche fettina di limone che andiamo a disporre nel piatto. Possiamo sbriciolare fra le mani la feta e farla cadere sopra l’insalata di cetrioli e pere, oppure tagliarla a cubetti regolari. Qualche foglia di timo la mettiamo per decorare il piatto che possiamo servire con una veloce vinaigrette di olio evo e aceto balsamico. A piacere possiamo mettere anche del sale e del pepe.

SUGGERIMENTO

Possiamo preparare l’insalata usando una semplice mandolina. In questo modo potremmo tagliare le fette tutte uguali usando uno spessore minimo. Un altro modo per tagliare bene gli ingredienti, è quello di usare un comune sbuccia patate. Con questo sistema si ottengono fette uguali.

SEGUIMI SUI SOCIAL

noi single in cucina youtube

Cipolline in agrodolce

cipolline-in-agrodolce
cipolline-in-agrodolce

Un contorno saporito dal contrasto interessante

Le cipolline in agrodolce sono un piatto delicato da servire come contorno o come antipasto. Spesso le cipolline in agrodolce accompagnano arrosti e carni importanti, ma sono ottime soprattutto senza motivo: sia calde che fredde!

DIFFICOLTÀ: facile
PREPARAZIONE: 5 min
COTTURA: 25 min
COSTO: basso

INGREDIENTI

300 gr di cipolline fresche
15 gr di burro
3 cucchiai di aceto di vino bianco
1 cucchiaio di zucchero
1/2 bicchiere di acqua
olio extra vergine d’oliva

CIPOLLINE IN AGRODOLCE

PROCEDIMENTO

Prepariamo le cipolline in agrodolce mettendo in un bicchiere 3 cucchiai di aceto di vino bianco, un cucchiaio di zucchero e dell’acqua. Mescoliamo bene e lasciamo riposare. Laviamo ed asciughiamo le cipolline. In una padella antiaderente scaldiamo il burro e, non appena inizia a fondersi, uniamo un generoso filo di olio evo per non farlo bruciare. Versiamo le cipolline e le lasciamo cuocere a fiamma vivace per qualche minuto in modo da colorarle leggermente, poi uniamo l’acqua con lo zucchero e l’aceto che abbiamo preparato in precedenza.

Il liquido dovrà ricoprire le cipolline. Alziamo la fiamma e lasciamo cuocere per 5 minuti, poi abbassiamo la fiamma, le copriamo con un coperchio e lasciamo andare per altri 20 minuti avendo cura di rigirarle ogni tanto. Naturalmente aggiungiamo dell’acqua calda se vediamo che le cipolline si asciugano. Trascorso il tempo verifichiamo la cottura intaccando le cipolline con la punta della spatola, se saranno morbide, la cottura potrà considerarsi terminata. Spegniamo la fiamma e lasciamo riposare alcuni minuti prima di servire le cipolline in agrodolce. Guarda il video della ricetta qui sotto.

SUGGERIMENTO

Se preferiamo un sapore più deciso per le nostre cipolline in agrodolce, possiamo sostituire l’aceto bianco con quello balsamico e lo zucchero con lo zucchero di canna. Per chi vuole osare, anche due chiodi di garofano.

SEGUIMI SUI SOCIAL

noi single in cucina youtube

Funghi trifolati

funghi-trifolati
funghi-trifolati

Pochi minuti per un contorno semplice e gustoso

I funghi trifolati sono un contorno classico e semplice da preparare. Indicati per accompagnare i secondi piatti a base di carne e perfetti anche come seconda portata leggera! I funghi sono una preparazione base spesso usata per i ripieni di torte salate, insieme ad altri ingredienti.

DIFFICOLTÀ: facile
PREPARAZIONE: 5 min
COTTURA: 20 min
COSTO: basso

INGREDIENTI

250 gr di funghi
1 spicchio di aglio
prezzemolo
succo di limone
olio extra vergine d’oliva
sale e pepe q.b.

FUNGHI TRIFOLATI

PROCEDIMENTO

I funghi trifolati sono molto semplici da cucinare.Prima di iniziare la preparazione è bene sempre lavare i funghi perché, anche se comprati al supermercato in splendide confezioni, conservano residui di terra che sarebbero fastidiosi da trovare in bocca. Quindi, li mettiamo in ammollo in un recipiente, oppure in uno scolapasta e li passiamo bene sotto il getto dell’acqua. Mettiamo sul fuoco una padella antiaderente con dell’olio evo, non appena sarà caldo aggiungiamo lo spicchio d’aglio ad insaporirlo. Nel frattempo tamponiamo i funghi dall’acqua eccessiva e li versiamo direttamente nella padella. Li rigiriamo spesso con una spatola per fare in modo di bagnarli nell’olio caldo e profumato, lasciandoli andare a fiamma vivace per circa 20 minuti.

Sarà proprio questa che aiuterà i funghi a perdere la loro naturale acqua, asciugandoli durante la cottura e preparandoli al risultato finale. Aggiungiamo il sale e il pepe e rigiriamo ancora. Non appena l’acqua sarà evaporata, abbassiamo la fiamma per una cottura gentile e uniamo del succo di limone che restringerà i funghi nell’ultima parte della cottura. Lasciamo quindi evaporare il tutto e uniamo il prezzemolo. Qualche minuto a fiamma vivace per poi servire. Il risultato sarà notevolmente ridotto rispetto al volume dei funghi appena acquistati. Guarda il video della ricetta qui sotto.

SUGGERIMENTO

I funghi trifolati sono una preparazione base per la realizzazione di alcune torte rustiche, come la variante della quiche lorraine. Basta aggiungere della ricotta, un uovo e del parmigiano per ottenere un gustoso ripieno da aggiungere alla base di pasta sfoglia.

SEGUIMI SUI SOCIAL

noi single in cucina youtube