Come congelare: fare e non fare

congelare

Congelare bene ha i suoi vantaggi: ecco quali sono

Il congelatore ci permette di conservare i cibi che prepariamo, o i prodotti surgelati, per un periodo di tempo prolungato attraverso la bassa temperatura. Conoscerlo e saperlo usare correttamente è fondamentale.

Congelare è sempre stata la parola magica per molti single e non solo. Congelare gli alimenti freschi o gli avanzi del pranzo significa semplicemente saper gestire l’economia di una cucina. Non solo, in questo modo possiamo anche avere sempre a portata di mano tutti quegli ingredienti che durante l’anno non sono reperibili. Per chi ama cucinare, invece, significa anche avere la possibilità di avvantaggiarsi sulle preparazioni da riscaldare in un secondo momento. Insomma un gran bell’aiuto.

Per fare in modo che tutto sia fatto a regola d’arte, è importante sapere esattamente cosa fare prima di congelare, non solo per mantenere freschezza e sapore, ma anche per evitare contaminazioni batteriche. Ricordiamoci che i batteri di origine alimentare non vengono uccisi dal freddo, rallentano solo la loro forza che si risveglia dopo lo scongelamento. Ecco perché vanno subito consumati dopo essere stati scongelati. Per saperne di più ti consiglio di leggere questo articolo: “Come scongelare: fare e non fare”.

come-congelare

CONGELARE: LE REGOLE

  • Maneggiamo gli alimenti sempre con le mani ben lavate.
  • Il piano di lavoro e i taglieri devono essere puliti e asciutti per evitare la formazione dei batteri.
  • Confezioniamo gli alimenti in contenitori perfettamente puliti e sterili.
  • Le confezioni del macellaio, le vaschette in polistirolo del supermercato e il cartone non sono indicati come contenitori per il congelamento. Evitiamoli assolutamente.
  • Facciamo sempre uscire l’aria dai sacchetti di polietilene prima di chiuderli.
  • Mettiamo nel frigorifero il cibo confezionato per qualche ora prima di congelarlo.
  • Ricordiamoci sempre che il volume dei liquidi aumenta del 10%, quindi non riempiamo mai il contenitore fino all’orlo ma lasciamo sempre un margine di circa 3 centimetri sotto di esso.

IL CONGELATORE

Congelare i cibi preparati da noi, o quelli acquistati al supermercato, è possibile grazie al congelatore. Prima di fare la spesa è bene conoscere la temperatura del nostro congelatore e la possibilità di conservazione del cibo al suo interno. Tutti i congelatori sono contrassegnati da un numero di stelle che vanno da un minimo di una ad un massimo di quattro. Questo simbolo rappresenta i parametri delle informazioni che dobbiamo conoscere. Lo troviamo esposto sullo sportello, in alcuni casi al suo interno, o nelle istruzioni fornite dall’azienda produttrice. Per non fare errori, conosciamo meglio la simbologia grafica:

stelle-congelatore

* la temperatura garantita è di -6°C, il periodo di conservazione è di 1 settimana

** la temperatura garantita è di -12°C, il periodo di conservazione è di due settimane

*** la temperatura garantita è di -18°C, il periodo di conservazione è di qualche mese

**** la temperatura garantita è di -18°C, il periodo di conservazione è per lungo tempo

CONGELARE O SURGELARE?

Congelare e surgelare non sono la stessa cosa anche se capita spesso di confondere questi termini. Sono due processi sostanzialmente diversi fra loro che servono alla conservazione del cibo. Il primo può essere effettuato direttamente nella nostra cucina, mentre il secondo avviene a livello industriale attraverso macchinari che portano il cibo ad una temperatura di -40°C in pochissimo tempo. La differenza fra i due procedimenti riguarda la formazione dei cristalli di ghiaccio. Nella surgelazione il tempo è così breve e la temperatura così bassa, che la formazione dei cristalli di ghiaccio risulta di piccolissime dimensioni. Nella congelazione, invece, i tempi più lunghi rendono i cristalli più grandi e, allo scongelamento, si verifica una maggiore perdita di acqua e di sostanze nutritive.

POTREBBE INTERESSARTI

La contaminazione batterica in cucina è un problema spesso sottovalutato. Ho scritto alcune guide per aiutarti a conoscerla e a lavorare correttamente.

Germi e batteri in cucina: come difendersi
Taglieri in cucina: come usarli
Frigorifero: gli errori da evitare

CONGELARE: I CONTENITORI DA USARE

contenitori-in-plastica-per-congelare-correttamente

CONTENITORI IN PLASTICA

I contenitori ermetici in plastica sono ideali per tutti gli alimenti in pezzi come la carne, la cipolla, le verdure, la frutta e si possono usare all’infinito. Nel forno a microonde possono essere usati anche per scongelare e cuocere direttamente il cibo, seguendo sempre i tempi e le istruzioni del forno a microonde. Sono inoltre indicati per i liquidi come sughi, minestre e brodo.

contenitori-in-vetro-per-congelare

CONTENITORI IN VETRO

I contenitori ermetici in vetro devono essere adatti al congelatore, non tutti sopportano le basse temperature e tendono a scoppiare col freddo. Assicuriamoci che sul fondo del contenitore, o sulla confezione di vendita, sia impressa la dicitura “adatti al congelatore”. Per quelli adatti seguiamo le indicazione del produttore, laviamoli in lavastoviglie prima del loro utilizzo.

vaschette-in-alluminio

CONTENITORI IN ALLUMINIO

Le vaschette di alluminio hanno il vantaggio di resistere sia al freddo che al caldo, per questo motivo sono indicate per quei cibi che desideriamo scongelare direttamente nel forno ma non in quello a microonde. Alcuni tipi hanno il coperchio di chiusura dove è possibile scrivere il contenuto e la data di preparazione. In alcuni casi si possono riusare più volte dopo averle lavate con cura, ma non hanno una lunga vita, meglio usarle per un solo utilizzo.

sacchetti-in-polipropilene

SACCHETTI IN POLIETILENE

I sacchetti di polietilene per alimenti sono sempre utili per tutti quei generi poco fragili e di piccole dimensioni: panini, verdure, carne tritata, pesce, etc. Si possono usare più volte purché non siano bucati o deteriorati dall’uso precedente, li troviamo in commercio in tutte le misure e capienze. Per occupare meno spazio nel congelatore è meglio fare sempre piccole porzioni e togliere l’aria in eccesso.

alluminio

FOGLI DI ALLUMINIO

I fogli di alluminio sono la soluzione ideale per tutti quei cibi ingombranti come le torte o la carne, in quanto si avvolge perfettamente. Protegge dall’aria, dalla luce e dall’umidità. Vengono usati anche per particolari tipi di cottura come quella “al cartoccio”. Non tutti i cibi sono indicati per essere avvolti nell’alluminio, facciamo attenzione a quelli acidi perché si rovinano e cambiano il sapore. In particolare: carne grassa, pesce e crostacei, salumi e affettati, formaggi.

pellicola-trasparente

PELLICOLA TRASPARENTE

La pellicola trasparente, a differenza dell’alluminio, si sigilla meglio ed è adatta per piccole porzioni o per ricoprire piatti e barattoli vari. Per i cibi grassi è preferibile usare il tipo senza pvc in quanto non rilascia particelle dannose come gli ftalati. Per conservare bene è necessaria una perfetta chiusura e dove non è possibile averla si possono usare elastici per fermare i fogli di alluminio sui barattoli, nastro adesivo per chiudere i sacchetti di plastica e tanta fantasia da applicare.

MANTENIAMO L’ORDINE

Un’altra delle regole base da rispettare scrupolosamente quando si deve congelare un alimento, è quella di mettere sempre un etichetta per ogni confezione da riporre nel congelatore. Qui possiamo specificare la data di confezionamento, il peso o il numero delle porzioni e naturalmente il tipo di cibo. Possiamo usare etichette adesive e pennarelli colorati per ogni categoria, oppure annotare su un foglio tutte le indicazioni.

    Ultimo aggiornamento Amazon 2020-08-07 at 15:15

    Articoli Consigliati