federico grilli hse24
Tu sei qui:

CONTENITORI IN PLASTICA: QUALI SCEGLIERE

I contenitori in plastica sono oggetti pratici e versatili utilizzati per conservare, trasportare e organizzare i cibi. Disponibili in diverse forme e dimensioni, offrono soluzioni convenienti per le necessità quotidiane. La plastica è resistente, leggera e facile da pulire, rendendo i contenitori in plastica una scelta comune in cucina, per il pranzo al sacco o per l’organizzazione domestica. Sono ideali per mantenere gli alimenti freschi, evitare perdite e facilitare la conservazione. Perfetti anche in dispensa per tutti i cibi secchi.

Questi sono alcuni fra i migliori contenitori in plastica maggiormente venduti e con recensioni ottime da parte dei clienti.

Ultimo aggiornamento Amazon 2024-02-01 at 22:43

I contenitori in plastica hanno dei vantaggi che non possono essere ignorati, sono leggeri e facilmente trasportabili, per dirne uno! I contenitori in plastica per alimenti offrono una serie di vantaggi che quelli in vetro non hanno, possono essere usati senza pericolo con le dovute accortezze. Questi vantaggi sono le ragioni della loro duratura popolarità nonostante la concorrenza dei contenitori di vetro, e dei loro svantaggi, incluso l’impatto ambientale con uno smaltimento inadeguato. Non ci fermiamo mai a pensare quanto la plastica (di ogni tipo) sia presente nella nostra cucina e in molti strumenti di uso quotidiano, dal frullatore ad immersione allo spremi agrumi, per esempio.

Anche in questo caso, i contenitori in plastica per alimenti offrono una serie infinita di possibilità, si va dai prodotti di bassa qualità a quelli di alta qualità, dalle dimensioni piccole a quelle grandi, dal contenitore base a quelli multicolori. Anche l’aspetto economico ha la sua rilevanza, ecco perché ho deciso di fare luce sull’argomento.

contenitori-in-plastica

La plastica offre una serie di vantaggi che la rende popolare in una vasta gamma di prodotti di consumo. Naturalmente, può rompersi o deformarsi se sottoposta al calore, ma ci sono anche plastiche che sono progettate per essere usate nel microonde o nel congelatore. In generale possiamo dire che la plastica può sopportare dei piccoli traumi. I contenitori in plastica per alimenti, ad esempio, si possono impilare uno nell’altro quando li riponiamo (tipo matrioska), senza subire incrinature come potrebbe accadere al vetro. Li possiamo gettare tranquillamente dentro le borse o lasciarli cadere da piccole altezze senza che subiscano il minimo danno. Il tipo e lo spessore della plastica influiscono ovviamente sulla sua durata.

In genere sono adatti per l’utilizzo in freezer e resistono a temperature comprese tra -20°C e 120°C. Si possono usare anche nel microonde, con il coperchio aperto, per riscaldare e per cucinare. In questo caso evitare di impostare tempi di cottura troppo lunghi, meglio rimanere sui 3-4 minuti a sessione, poi rimestare il contenuto e continuare la cottura. Possono essere lavati a mano ed in lavastoviglie, meglio posizionarli nel cestello superiore per eviatre l’acqua troppo calda dei cicli lunghi. Quando etsratti dal freezer lasciamoli riposare qualche istante prima di utilizzarli.

plastica-trasparente
I contenitori in plastica per alimenti hanno coperchi che possono essere chiusi saldamente con guarnizioni in silicone, serrature a scatto o piccole ali laterali di bloccaggio. Questi contenitori possono quindi mantenere il cibo conservato più fresco per periodi più lunghi poiché è protetto da elementi nocivi esterni, come i batteri presenti nell’aria. In questo modo è possibile preservarne la qualità generale, compresi i sapori, i colori e le consistenze.
I contenitori in plastica per alimenti sono in genere più economici di quelli realizzati con altri materiali, tra cui il vetro, per molte ragioni. I costi di produzione sono generalmente inferiori per la plastica che per il vetro e il metallo, con conseguente riduzione dei prezzi di vendita. In secondo luogo, questi prodotti possono essere fabbricati in quantità maggiori, quindi le economie di scala funzionano a proprio vantaggio. In terzo luogo, i costi di sostituzione sono inferiori per i contenitori di plastica per alimenti. Molti, se non la maggior parte, di questi prodotti possono anche essere riutilizzati e riciclati, quindi anche i costi per l’ambiente possono essere ridotti.
I contenitori in plastica per alimenti hanno una possibilità di scelta davvero incredibile. Sono realizzati in tutte le forme, dimensioni e colori. Oltre ai classici contenitori da usare in cucina, ci sono quelli pensati e progettati per ospitare pranzi da consumare in ufficio o fuori casa. Si parte dalle monoporzioni con inserti nel tappo che ospitano posate o condimenti, a quelli per portarsi in ufficio interi pranzi, con divisori interni per separare le pietanze. Sono perfetti se devi seguire una dieta o programmi di fitness, oltre che per organizzare il frigorifero e la dispensa! I più creativi possono trovare anche altri scopi, come contenitori di piante, raccoglitori di oggetti nelle camere dei bambini e, per gli amanti del fai da te, per riporre viti e tasselli di ogni sorte.
riconoscere-la-plastica
Solitamente, i contenitori per alimenti in plastica, sono trasparenti o leggermente opachi, ma permettono sempre di vedere il contenuto al suo interno. Alcuni offrono la possibilità di scrivere il contenuto con dei pennarelli speciali o di inserire etichette in appositi spazi. I contenitori in plastica non sono immuni da svantaggi come la possibilità di assorbire odori o colori dagli alimenti. In genere basta lavarli bene e non prolungare la conservazione quando il cibo è scaduto.
Generalmente, sul fondo dei contenitori di plastica per alimenti, troviamo un piccolo triangolo con un numero (codice di identificazione della resina), che va da 1 a 7, che indica il tipo di plastica usata. In generale, le scelte più sicure per l’uso alimentare sono i numeri 1, 2, 4 e 5. Questo perché il numero 3 è vinilico o polivinilcloruro (PVC), il numero 6 è polistirolo e il 7 possono essere varie materie plastiche. Alcuni contenitori di plastica con i codici di resina numero 3 e 7 possono contenere Bisfenolo-A (BPA).
plastiche
Polietilene tereftalato (PET)
Polietilene ad alta densità (HDPE)
Cloruro di polivinile (PVC)
Polietilene a bassa densità (LDPE)
Polipropilene (PP)
Polistirolo (PS)
Plastica non etichettata

L’utilizzo dei contenitori in plastica in cucina offre numerosi vantaggi. La plastica è un materiale resistente agli urti, che può sopportare piccoli traumi senza rompersi o deformarsi. I contenitori in plastica per alimenti sono pratici da impilare, consentendo un risparmio di spazio nell’archiviazione. Inoltre, possono resistere alle temperature estreme, consentendo l’uso nel freezer e nel microonde per riscaldare e cucinare. La facilità di pulizia, sia a mano che in lavastoviglie, rende i contenitori in plastica comodi da utilizzare e da mantenere igienici. Tuttavia, è importante prestare attenzione al tipo e allo spessore della plastica per garantire la massima durata e sicurezza. Complessivamente, i contenitori in plastica sono una scelta pratica ed efficiente per conservare, riscaldare e trasportare gli alimenti in cucina.

VUOI CONOSCERE I MIGLIORI PRODOTTI PER LA TUA CUCINA?

Stai pensando di acquistare un nuovo elettrodomestico o vuoi cambiarne uno vecchio? Scegli il meglio per te, nelle mie liste  Amazon troverai i prodotti migliori con un giusto rapporto qualità prezzo. Ho scelto brand affidabili, qualità dei materiali e praticità di funzionamento. Dai uno sguardo e lasciati ispirare.

SCOPRI LE OFFERTE SU AMAZON!

VOTA
[Voti: 0 Media: 0]

Ultimo aggiornamento Amazon 2024-03-02 at 17:15