galateo del vino
Tu sei qui:

GALATEO DEL VINO: LE PRINCIPALI REGOLE DA SEGUIRE

Il galateo del vino è una componente importante della cultura enogastronomica, che si basa sulla tradizione e sull’eleganza. Le buone maniere nel consumo del vino risalgono a secoli fa, quando il vino era considerato una bevanda pregiata riservata alle classi nobili. Oggi, queste regole sono ancora valide e sono parte integrante delle interazioni sociali durante i pasti e gli eventi.

Questi sono alcuni fra  migliori calici da vino maggiormente venduti e con recensioni ottime da parte dei clienti.

Il galateo del vino è un insieme di regole e consuetudini che regolano il comportamento e l’etichetta legati al consumo e alla condivisione del vino. Seguire queste regole non solo aggiunge un tocco di eleganza e raffinatezza alle interazioni sociali, ma aiuta anche a garantire un’esperienza piacevole e senza intoppi per tutti i partecipanti. Dopo il galateo a tavola e il galateo del caffè, conosciamo le regole fondamentali del galateo del vino, dal servizio alla degustazione, fino alle regole da seguire durante i pasti e gli eventi sociali.

Il vino va versato all’arrivo della prima portata, in un pranzo informale, si inizia servendo le donne, partendo dalla meno giovane. Per i propri pranzi, è consigliabile seguire un approccio più informale e democratico, partendo dall’invitato o dall’invitata più cara e procedendo in senso orario. Va comunque ricordato che i padroni di casa, ovvero noi stessi, dovrebbero essere serviti per ultimi. Nel versare il vino è importante afferrare la bottiglia all’altezza dell’etichetta, evitando di prendere il collo, e che questa non tocchi il calice. Il servizio perfetto prevede che si faccia dalla destra del commensale e che i bicchieri vengano riempiti non oltre un terzo della loro altezza, o poco più.

come servire il vino, galateo del vino

Nel servizio del vino, si inizia con le donne, seguite dagli uomini e infine dai padroni di casa. Tra le donne e gli uomini, si segue sempre il criterio dell’età, iniziando a servire i meno giovani.

Quando si versa il vino, è importante seguire alcune linee guida per garantire un servizio corretto e appropriato. In generale, si versa una quantità di vino sufficiente per riempire il calice circa un terzo o al massimo metà, in modo da consentire al vino di respirare e rilasciare i suoi aromi. Tuttavia, la quantità esatta può variare in base al tipo di vino, all’occasione e alle preferenze personali degli ospiti. È sempre meglio essere conservativi nel versare il vino e lasciare che gli ospiti ne chiedano eventualmente di più, piuttosto che versarne troppo e rischiare di sprecare il prezioso nettare.

quanto vino versare galateo

È consigliabile afferrare il calice per il gambo anziché per la coppa tenendolo con pollice ed indice, senza alzare il mignolo o il gomito. In questo modo si evita di surriscaldare il vino con il calore delle mani e si permette di osservare il colore del vino senza lasciare impronte digitali sulla superficie del calice. È importante tenere il calice con delicatezza, evitando di stringerlo troppo forte o di agitarlo durante l’assaggio del vino. Infine, assicurarsi che il calice sia pulito e privo di odori sgradevoli prima di versare il vino al suo interno è essenziale per non alterarne il sapore e l’aroma.

come tenere il calice

Quando si beve il vino, è importante fare attenzione e rispettare ogni fase della degustazione. Prima di portare il bicchiere alle labbra, è consigliabile osservare attentamente il vino nel calice per apprezzarne il colore e la limpidezza. Poi, annusare il vino per coglierne gli aromi e infine, degustarlo con calma, percependone i diversi sapori e sensazioni. È essenziale bere con moderazione, assaporando l’esperienza senza eccessi. Rumori spiacevoli e schioccate di lingua sono da evitare. Così come rovesciare la testa all’indietro per bere anche l’ultima goccia rimasta nel bicchiere!

Si annusa il vino per apprezzarne appieno il suo bouquet aromatico e per anticipare i sapori che verranno percepiti durante la degustazione. Gli aromi presenti nel vino possono fornire preziose informazioni sulla sua provenienza, il tipo di vitigno utilizzato e il processo di produzione. Inoltre, l’olfatto è strettamente collegato al gusto, quindi annusare il vino può preparare il palato per la degustazione imminente, consentendo di apprezzarne appieno i sapori una volta assaggiato.

annusare il vino

Va detto subito che il “cin cin” non è una formula particolarmente raccomandata come augurio o saluto. Originariamente usata dai marinai di Canton durante riunioni estremamente alcoliche e goliardiche, ha acquisito connotazioni poco raffinate nel corso del tempo. È preferibile optare per un semplice “alla salute” o per una frase pensata appositamente per l’occasione. Durante il brindisi, i bicchieri non devono toccarsi, ma solo sfiorarsi o simulare un avvicinamento. Nei contesti formali, è perfettamente accettabile evitare questo gesto e riservarlo per occasioni più informali e festive. Inoltre, è bene evitare di attirare l’attenzione tintinnando le posate sui bicchieri, un gesto considerato inappropriato secondo il galateo.

come brindare

Non è consigliabile portare del vino come regalo a cena, poiché potrebbe essere frainteso come un segno di disapprovazione verso la selezione di vini dell’ospite o potrebbe mettere in imbarazzo quest’ultimo. Inoltre, potrebbe creare difficoltà nell’abbinamento con il menu pianificato dall’ospite. Se si desidera comunque fare un gesto di cortesia, è preferibile optare per alternative come fiori freschi, una pianta in vaso, un oggetto decorativo per la casa o una selezione di dolci gourmet. Se si ha confidenza con l’ospite, è possibile considerare anche l’opzione di regalare una bottiglia d’annata da aggiungere alla sua collezione in cantina.

bottiglia di vino da regalo
  • Evitare di portare il calice alla bocca mentre si ha ancora il cibo in bocca è importante. È consigliabile asciugare sempre le labbra prima e dopo aver bevuto, e le signore dovrebbero fare attenzione a evitare di lasciare impronte di rossetto sul calice.
  • L’utilizzo di bicchieri di plastica è un gesto irresponsabile. Anche le versioni più recenti, che cercano di imitare i calici in cristallo, sono da evitare. La plastica è dannosa per l’ambiente marino e compromette l’esperienza gustativa.
  • Capovolgere la bottiglia vuota nel cestello del ghiaccio è considerato superato e poco elegante. Non ha alcun valore pratico e risulta poco gradevole esteticamente. La bottiglia vuota dovrebbe restare sul tavolo, dove il cameriere o il padrone di casa potrà occuparsene.
  • Roteare il vino nel calice o contemplarlo per troppo tempo può risultare eccessivo e persino ridicolo. L’assaggio del vino dovrebbe essere breve e discreto: osservare il vino per individuare eventuali difetti e avvicinare il calice al naso per escludere odori sgradevoli.
  • Evitiamo anche di alzare il bicchiere durante il versamento del vino o di spostarlo quando pensiamo sia sufficiente: è meglio comunicare semplicemente che non è necessario aggiungere altro.
  • Se non si gradisce altro vino, mai mettere la mano sopra al bicchiere! Meglio comunicarlo con un gesto discreto.

VUOI CONOSCERE I MIGLIORI PRODOTTI PER LA TUA CUCINA?

Stai pensando di acquistare un nuovo elettrodomestico o vuoi cambiarne uno vecchio? Scegli il meglio per te, nelle mie liste  Amazon troverai i prodotti migliori con un giusto rapporto qualità prezzo. Ho scelto brand affidabili, qualità dei materiali e praticità di funzionamento. Dai uno sguardo e lasciati ispirare.

SCOPRI LE OFFERTE SU AMAZON!

VOTA
[Voti: 0 Media: 0]

Ultimo aggiornamento Amazon 2024-07-17 at 08:21