fbpx

Il frigorifero

 In come fare, guide

Questo articolo è stato aggiornato il

Sempre più riconosciuto quale oggetto sociale, è incredibile come il frigorifero parli di noi!

Il frigorifero è diventato l’elettrodomestico indispensabile della cucina, nonché il riflesso della nostra personalità. Per alcuni considerato come un oggetto decorativo, il frigorifero è il testimone della nostra intimità. Non è solo quello spazio sul quale conservare le bollette da pagare o le foto degli amici.
Conservare gli alimenti nel frigorifero non significa soltanto riporli alla rinfusa tra gli scaffali e nei cassetti. Tenere in ordine il frigorifero in maniera intelligente ci permette di ridurre i costi di corrente elettrica, di trovare quello che si cerca e di non buttare nulla. All’interno del frigorifero il freddo non è distribuito in maniera uniforme, per questo motivo i cibi vanno sistemati e organizzati secondo precisi criteri di conservazione.
Al momento della spesa scegliamo i prodotti che possono rimanere nel nostro frigorifero per almeno due settimane: sughi pronti per la pasta, tortellini freschi confezionati, gnocchi freschi confezionati, formaggi di vario genere, sottilette, wurstel, pizze fresche da infornare, affettati freschi sottovuoto, yougurt, burro, dadi, etc. per proseguire poi con quelli di durata limitata come: carne, latte, uova, verdura e alcuni tipi di formaggio.

Come organizzare il frigorifero

Nel cassetto in basso (che in genere ha una temperatura di 8°C) possiamo mettere frutta e verdura.

La zona bassa è quella più fredda e adatta per i cibi più deperibili come pesce, carne e salumi.

La zona media e alta ha una temperatura più alta, perfetta per latticini, formaggi, uova, cibi cotti, sughi pronti etc.

Mettiamo sempre le cose più piccole avanti e quelle più grandi dietro.

frigorifero

Come conservare gli alimenti nel frigorifero

come-conservare-gli-alimenti-nel-frigorifero
  • È necessario che gli alimenti siano ben confezionati, chiusi in contenitori o in sacchetti di polietilene.
  • Separiamo gli alimenti da cuocere (carne, pesce, verdure e uova) da quelli che invece si consumano così come sono (formaggi, salumi vari, verdure lavate pronte all’uso).
  • Quando acquistiamo degli alimenti con confezioni di cartone, prima di riporli in frigo togliamo l’imballo di cartone per evitare di trasportare i germi.
  • Le diverse tipologie di carne devono essere riposte separatamente.
  • Dopo l’apertura dei cibi c’è un tempo massimo da rispettare oltre il quale il cibo comincia ad alterarsi. Mettiamolo in una zona visibile per essere consumato il più presto possibile.
  • I piatti cucinati devono essere protetti con la pellicola trasparente, che consente di vedere lo stato di conservazione.
  • Seguiamo le indicazioni riportate in etichetta per la conservazione degli alimenti.
  • Non usiamo gli alimenti oltre la data di scadenza.

Indispensabili nel frigorifero

burro

BURRO
E’ alla base di molti piatti compresa la famosa pasta burro e parmigiano: ottima quando il frigo langue!

uova

UOVA
Risolvono sempre una cena o aiutano altri piatti. Fondamentali nelle torte e nei dolci.

parmigiano

PARMIGIANO
Indispensabile: va su tutto!

pancetta

PANCETTA
Ottima per i primi piatti come la carbonara, l’amatriciana, la gricia.

mozzarella

MOZZARELLA
Per un secondo al volo o per preparazioni come torte rustiche, primi piatti e pasta al forno.

sottilette

SOTTILETTE
Per insaporire scaloppine, torte rustiche, panini e spuntini.

prosciutto-cotto

PROSCIUTTO COTTO
Per il toast della mattina, per frittate, spuntini e nei ripieni di altre preparazioni.

dado

DADO
Per la preparazione di brodo e zuppe, per insaporire carne, salse e verdure.

concentrato-pomodoro

POMODORO CONCETRATO
Per aiutare sughi e salse, per le minestre e per altre preparazioni.

sottaceti

SOTTACETI
Olive, capperi, cipolline, funghi. Insostituibili nelle paste estive, nei sughi e sulla carne.

limoni

LIMONI
Per condire verdure lesse in generale, carne e pesce. Utile nella preparazione di creme e salse.

cipolle

CIPOLLE
Ottime per le basi di molte preparazioni, sughi, minestre, zuppe e arrosti.

zucchine

ZUCCHINE
Per un contorno al volo, per frittate, per condire primi piatti e minestre.

pomodori

POMODORI
Non conoscono satgione, sono ottimi sempre: dal contorno alle insalate ai sughi!

latte

LATTE FRESCO
Da bere nel caffè, con due cucchiai di cioccolato e per mille altre preparazioni.

Conosciamo meglio il frigorifero

conosciamo-meglio-il-frigorifero

Come posso pulire il frigorifero?



Questo articolo è stato aggiornato il

La pulizia va svolta con regolarità (circa una volta alla settimana): il frigo resterà sempre pulito e sarà sempre facile pulirlo. Per una buona pulizia va benissimo una miscela di acqua e aceto. Importantissimo: un frigo efficiente non deve avere ghiaccio sulle pareti (accade soprattutto se non è previsto lo sbrinamento automatico). Meglio eliminare qualsiasi formazione di ghiaccio appena formata!

Perchè sulla cella interna di alcuni frigoriferi si notano goccioline di condensa alternate a brina?



Questo articolo è stato aggiornato il

Nei frigoriferi statici, ovvero privi di ventilazione, l’umidità presente nell’aria si deposita sulla parete più fredda, che è proprio quella frontale, dove è montato internamente l’evaporatore. Sulla parete l’acqua si condensa, si ghiaccia e si scioglie seguendo l’andamento del compressore. Tale fenomeno è da ritenersi del tutto normale.

Quando vado in vacanza devo spegnere il frigorifero?



Questo articolo è stato aggiornato il

E’ buona norma pulire il frigorifero e controllare di non avere cibi a breve scadenza che potrebbero deteriorarsi e generare cattivi odori. Si consiglia di regolare il termostato sul minimo. In questo modo si garantisce comunque la conservazione dei cibi congelati e si ottiene un risparmio energetico.

Cosa possiamo fare quando il frigorifero emette cattivo odore?



Questo articolo è stato aggiornato il

Procediamo ad un’accurata pulizia interna del frigorifero e delle guarnizioni, utilizzando acqua e bicarbonato o aceto; nel caso in cui ciò non dovesse essere sufficiente, possiamo procedere introducendo all’interno dello scomparto spento, una vaschetta contenente del latte caldo e mezzo limone, e lasciare che tale contenitore si raffreddi all’interno. Tale procedura può essere ripetuta anche due volte. In alternativa, l’unica altra possibilità, consiste nel lasciare il frigorifero con la porta aperta per circa 2/3 giorni.

Quanto tempo devo attendere prima di accendere un frigorifero che è appena stato spostato?



Questo articolo è stato aggiornato il

Al fine di evitare il danneggiamento del circuito refrigerante, è preferibile attendere circa 2/3 ore prima dell’accensione del frigorifero.

Quanto spazio libero devo lasciare intorno al frigorifero?



Questo articolo è stato aggiornato il

Nel caso di frigoriferi a libera installazione, è bene lasciare 5 cm in alto e 10 cm dietro all’elettrodomestico. Questo consentirà un’agevole dispersione del calore e ridurrà il consumo energetico. Nel caso di elettrodomestici a incasso, lo spazio necessario è indicato nelle specifiche.

E' possibile installare un forno vicino al frigorifero?



Questo articolo è stato aggiornato il

Certamente. I forni di ultima generazione, grazie alla loro coibentazione ed ai flussi d’aria generati dal ventilatore, consentono di avere temperature esterne sui fianchi molto basse, che non danneggiano il corretto funzionamento del frigorifero.

Recommended Posts

Start typing and press Enter to search

Send this to a friend