fbpx

Soup maker: cos’è e come funziona

 In blog, come fare, elettrodomestici, guide

Il soup maker è uno degli accessori più versatili da tenere in cucina. La sua praticità d’uso lo rende perfetto per qualsiasi occasione, permettendoci di gustare cibi più sani a casa nostra. Solo questo potrebbe essere un motivo per acquistarne uno. Se volete conoscerne altri, proseguite la lettura!

Le zuppe in Italia sono un primo piatto molto importante nel periodo invernale, ne abbiamo una grande varietà e sono sempre presenti sulle nostre tavole.

Personalmente sono un fautore della zuppa tutto l’anno, calda in inverno, tiepida in primavera e fredda in estate. Esiste una vasta scelta di verdure in primavera ed estate dalle quali ottenere zuppe e minestre dai sapori incredibili, una possibilità in più di conoscere nuove ricette e sperimentare piatti sempre più gustosi.

Preparare una zuppa o una vellutata presuppone una certa capacità in cucina, a seconda della ricetta esistono anche diversi passaggi e tecniche di cottura. Non bisogna avere l’abilità necessaria per preparare un pranzo di gala, ma una certa destrezza si.

Ecco perché un soup maker ti risolve la vita, devi solo scegliere quello che fa per te e per il tuo budget, ce ne sono per tutte le tasche ed esigenze. Una delle prime domande che mi sono posto è stata “a chi è adatto?”.

soup-maker-preparazione

A CHI È ADATTO UN SOUP MAKER

A chi è inesperto o non sa da dove iniziare.
A chi in cucina non vuole passare troppo tempo.
A chi non ama sporcare troppi utensili e doverli lavare tutti.
A chi ama mangiare bene ma non vuole faticare.
A chi si sente scoraggiato al solo pensiero di dover cucinare.
Alle mamme che devono preparare pappine per lo svezzamento.
A chi sa cucinare ma preferisce far fare ad altri.
A chi ama uno stile di vita sano e nutriente.
A chi rispetta la stagionalità delle verdure.

soup-maker-zuppa

I VANTAGGI DEL SOUP MAKER

Usare un soup maker significa non dover avere delle solide basi di cucina! La sua semplicità è imbarazzante e le possibilità di utilizzo sono infinite, perché non si limita solo a fare zuppe e minestre, ma anche composte, frullati e smoothies. Alcuni soup maker si puliscono anche da soli! Per preparare una zuppa con un soup maker occorre solo tagliare le verdure a tocchetti e versarle nel bicchiere di cottura, aggiungere il brodo e premere avvio. In soli 20 minuti la nostra zuppa sarà pronta, calda fumante con lo stesso sapore ed intensità della cottura tradizionale. Facile vero?

A tutto questo dobbiamo anche aggiungere la praticità di non usare mestoli, frullatori ad immersione, pentole e piatti di servizio. Sapete cosa significa tutto questo? Che non dobbiamo lavare nulla! Non dobbiamo seguire fisicamente la cottura, ne girare la minestra con cadenza regolare, tutto questo ci salverà anche dagli schizzi di brodo bollente o dalle stupide bruciature perché farà tutto il nostro soup maker.

Se amiamo preparare minestre e zuppe con una certa regolarità, un soup maker è un ottimo acquisto per rendere la vita facile in cucina, ma se la nostra voglia di zuppe è limitata, forse è meglio non spendere soldi in questo gadget, anche se i modelli basic costano davvero poco.
In questo caso, però, ricordiamoci che un soup maker è in grado anche di fare ottimi frullati di frutta, granite di ghiaccio e sciroppi, smoothies, composte e marmellate.

L’uso di un soup maker è perfetto anche per il classico cooking day, il giorno dove si cucina per tutta la settimana. Possiamo preparare delle buone zuppe e vellutate da congelare per la settimana, e magari da scaldare in ufficio per la pausa pranzo.

soup-maker-come-funziona

COME FUNZIONA UN SOUP MAKER

Esteticamente ricorda il bollitore elettrico, ma negli ultimi anni il design dei soup maker si è talmente evoluto da diventare davvero bello e pratico, sia nelle funzioni che nei materiali impiagati. In commercio ne esistono diversi tipi con svariati programmi di cottura, forme più o meno cilindriche, e accessori opzionali. Ma in buona sostanza il funzionamento è uguale per tutti. La base del contenitore riscaldante ha una resistenza che si attiva usando un termostato posto nel coperchio.

Attraverso questa sonda, la temperatura interna viene regolata con precisione, anche in base alla modalità di cottura scelta. Nel coperchio troviamo una lama motorizzata che, quando in funzione, gira per mescolare delicatamente gli ingredienti (funzione minestra). Lo scopo di questa lama è anche quello di tagliare e frullare (funzione vellutate). La stessa è impiegata anche per preparare frullati e smoothies (funzione frullato) o per tritare il ghiaccio.

Per preparare una minestra o una vellutata, basterà semplicemente mettere tutti gli ingredienti all’interno del contenitore, aggiungere acqua o brodo rispettando i livelli di sicurezza incisi all’interno, chiudere il coperchio, scegliere il tipo di minestra e premere avvio. Per i prossimi 20 minuti possiamo fare tranquillamente quello che vogliamo, lasciando preparare la zuppa al soup maker. Trascorso il tempo necessario, una serie di segnali acustici ci avviseranno che la nostra ricetta è pronta da servire.

Guarda come preparare una vellutata di porri con il soup maker

soup-maker le funzionalità

COME USARE IL SOUP MAKER

Tagliamo tutti gli ingredienti a fette sottili o a cubetti di piccole dimensioni.
Assicuriamoci di riempire il boccale di cottura con la quantità minima indicata.
Non riempiamo il boccale di cottura oltre i livelli indicati.
Terminata la cottura, stacchiamo la presa dalla corrente.
Lasciamo raffreddare il boccale di cottura prima di pulirlo.
Non laviamolo in lavastoviglie.
Leggiamo sempre le istruzioni del produttore.

soup-maker-ingredienti da usare

QUALI INGREDIENTI USARE

Nella confezione del nostro soup maker troviamo spesso il ricettario. Seguendolo, soprattutto nelle prime esperienze, impareremo come usarlo correttamente. Ma se vogliamo dare libero spazio alla fantasia, è bene conoscere qualche semplice regola da seguire durante le nostre preparazioni.

OLIO
Qualsiasi tipo di olio è adatto per le nostre ricette. Se preferiamo, possiamo anche usare il burro o oli aromatizzati

BRODO

Nessuno si prenderà mai la briga di fare il brodo appositamente per preparare una ricetta.
Quindi usiamo quello pronto fresco, o i tradizionali dadi o polveri. Ma se avete tempo di farlo, meglio per voi!

POMODORO
Possiamo usare sia la passata di pomodoro che la salsa. Ricordiamoci sempre di aggiungere anche acqua o brodo per evitare che il pomodoro bruci sul fondo. Meglio aggiungere anche dell’olio di oliva.

INGREDIENTI SURGELATI
In genere non è possibile, ma questo dipende anche dal tipo di soup maker che abbiamo acquistato. In alcune ricette si possono aggiungere piccole quantità di surgelati che, unite al brodo bollente, possono cucinare perfettamente. Troppi surgelati non cuoceranno mai perfettamente con le tempistiche impostate delle cotture.

CARNE
Anche in questo caso dipende dal modello di soup maker. Piccole quantità di carne possono trasformarsi in gustose zuppe di pollo o di manzo, riuscendo a riciclare qualche avanzo del pranzo.

LEGUMI
Sono perfetti per preparare ottime minestre. Quelli in barattolo sono pronti all’uso, mente quelli secchi dovranno essere lasciati in ammollo il tempo necessario prima di poterli usare nella nostra ricetta.

DENSITÀ
Ricordiamoci sempre che per una minestra più liquida bisogna aggiungere più brodo. Se vogliamo ottenere una vellutata più densa, aggiungiamo delle patate o fagioli.

SAPIDITÀ
Aggiungere il sale è una di quelle cose che faccio sempre alla fine. A volte non è necessario perché un buon brodo mi restituisce una buona sapidità. Preferisco usare cipolle, aglio e scalogno.

I MIGLIORI SOUP MAKER

Recommended Posts

Start typing and press Enter to search