Pesto ai peperoni: pronto in pochi minuti

pesto-ai-peperoni
pesto-ai-peperoni

Pesto ai peperoni, non solo per condire la pasta

Perfetto per condire la pasta, oltre che per bruschette e formaggi. Mi piace servirlo sulla pasta con una grattugiata di ricotta salata! Preparalo in soli 5 minuti.

DIFFICOLTÀ: facile
PREPARAZIONE: 10 min
COSTO: basso

INGREDIENTI

200 g di peperoni sottolio
100 g di mandorle
100 g di parmigiano
basilico fresco
1/2 spicchio di aglio
olio evo
sale

PESTO AI PEPERONI

PROCEDIMENTO

Il pesto ai peperoni è un ottima salsa che può essere impiegata in diversi modi, non solo per condire la pasta. Se amate la cucina tradizionale, e avete tempo per farla, iniziate a cuocere i peperoni al forno, a spellarli e a tagliarli a pezzi. Io, preferisco usare i peperoni sottolio che compro al supermercato, in alternativa quelli fatti in casa da zia Paola! Per questa preparazione ci aiutiamo con un mixer ad immersione, oppure con un mini robot da cucina.

Scoliamo dall’olio di conservazione i peperoni, poi li tagliamo grossolanamente per metterli nel bicchiere cutter del frullatore ad immersione. Uniamo 1/2 spicchio di aglio (lo possiamo anche omettere si ci disturba), le mandorle e il basilico. Chiudiamo e procediamo a frullare a piccoli impulsi, quindi non in maniera continuativa, per non stressare il basilico. Apriamo il cutter e uniamo il parmigiano grattugiato, una presa di sale e l’olio evo. Frulliamo ancora a impulsi ma per più tempo.

In questo modo otteremo un pesto ai peperoni con una consistenza granulosa, se invece frulliamo in maniera continua, otteremo una salsa omogenea. In base all’utilizzo che ne vogliamo fare possiamo decidere il tipo di consistenza. L’importante è non scaldare troppo il pesto durante la lavorazione perché il basilico tende a diventare amaro. Terminata la preparazione possiamo mettere la salsa in frigorifero fino al momento dell’utilizzo. La possiamo conservare per diversi giorni, oppure congelare in piccole porzioni da usare quando vogliamo.

SUGGERIMENTO

La ricetta del pesto ai peperoni può essere variata anche con altri ingredienti, possiamo aggiungere della ricotta fresca per renderlo più delicato.

SEGUIMI SUI SOCIAL

noi single in cucina youtube

Pesto al basilico

pesto-alla-genovese
pesto-alla-genovese

dal mortaio ai frullatori ad immersione, Ecco come preparare il pesto al basilico

Tipico condimento della Liguria, il pesto al basilico è una salsa a base di basilico che viene pestato nel mortaio di pietra insieme ai pinoli e all’aglio. La preparazione a freddo del pesto al basilico, lascia intatto il profumo e l’aroma di questa pianta, molto amata in Italia. Perfetto da usare sulla pasta, negli aperitivi e in molte altre preparazioni.

DIFFICOLTÀ: facile
PREPARAZIONE: 15 min
COSTO: medio

INGREDIENTI

1 ciuffo di basilico fresco
1/2 spicchio di aglio
50 gr di pinoli
50 gr di pecorino
25 gr di parmigiano
olio extra vergine d’oliva

PESTO AL BASILICO

PROCEDIMENTO

Il pesto al basilico si può preparare seguendo il metodo tradizionale con mortaio e pestello. Io preferisco usare un frullatore ad immersione, ma anche un mini robot va benissimo. Laviamo il basilico sotto un getto gentile di acqua fredda, senza strofinarlo fra le dita. Lo adagiamo su alcuni fogli di carta assorbente e lo lasciamo riposare affinché possa scolare naturalmente l’acqua. Evitiamo di stressarlo per lasciare intatto il suo profumo. In un frullatore mettiamo i pinoli, l’olio evo, l’aglio e un pizzico di sale. Poi il pecorino romano e il parmigiano. Tamponiamo delicatamente le foglie di basilico e le mettiamo insieme agli atri ingredienti nel frullatore.

Procediamo a frullare a piccoli impulsi per evitare di scaldare troppo le foglie di basilico che, con il calore, cambiano profumo e aroma. Se vediamo che il pesto risultasse troppo denso, possiamo aggiungere ancora dell’elio evo. Se invece risultasse troppo liquido, per il troppo olio evo, possiamo aggiungere ancora del pecorino o parmigiano. Per ottenere una buona salsa, consiglio di tenere in freezer gli ingredienti principali per almeno un ora, in questo modo il suo colore sarà bello verde. Guarda il video della ricetta qui sotto.

SUGGERIMENTO

Il pesto al basilico può essere congelato in mono porzioni in contenitori di stagnola o in stampi per ghiaccio. Copriamolo con un filo di olio evo per evitare che si ossidi a contatto con l’aria. Basterà scongelarlo qualche ora prima della preparazione della nostra pasta.

SEGUIMI SUI SOCIAL

noi single in cucina youtube

Pesto di zucchine: pronto in pochi minuti

pesto di zucchine
pesto di zucchine

È la variante del più famoso pesto genovese.

Il pesto di zucchine è perfetto per condire la pasta, oltre che per bruschette, carne e formaggi. Mi piace preparalo a crudo e servirlo sulla pasta con una grattugiata di ricotta salata! Preparalo in soli 5 minuti.

DIFFICOLTÀ: facile
PREPARAZIONE: 10 min
COSTO: basso

INGREDIENTI

2 zucchine romane
50 g parmigiano
30 g mandorle bianche
olio evo
basilico fresco
1/2 spicchio di aglio
sale

 

PESTO DI ZUCCHINE

PROCEDIMENTO

Personalmente amo preparare il pesto di zucchine a crudo con ingredienti freschi e ben scelti, procedendo in maniera alternativa alla classica preparazione. Se invece preferiamo seguire la ricetta classica, possiamo sbollentare le zucchine per 5 minuti. Per prima cosa lavo le zucchine e le privo delle estremità, poi le taglio in 4 parti e ancora a tocchetti. Nel vaso tritatutto di un frullatore ad immersione, metto le mandorle bianche già sgusciate, l’aglio, il parmigiano e procedo a frullare qualche istante. Poi inserisco le zucchine, le foglie di basilico ben lavate ed asciugate, ed infine l’olio evo.

Continuo a frullare ad intermittenza, agendo sul bottone del motore senza tenerlo premuto in maniera continua. In questo modo ottengo un composto granuloso senza stressare il basilico che, al troppo calore delle lame, si ossida e cambia sapore diventando amaro. Questa consistenza è perfetta per la pasta e la possiamo preparare nel tempo della sua cottura. Appena scolata e condita, vi consiglio una grattugiata di ricotta salata: un sapore che non dimenticherete facilmente! Per questa preparazione usiamo un frullatore ad immersione e l’accessorio vaso tritatutto. Quì puoi leggere come usare un frullatore ad immersione.

SUGGERIMENTO

Il pesto di zucchine è perfetto per condire crostini di pane, carne e formaggi dolci. Per questo utilizzo è meglio lasciarlo riposare almeno 30 minuti in frigorifero.

SEGUIMI SUI SOCIAL

noi single in cucina youtube

Insalata estiva di farro

insalata estiva di farro
insalata estiva di farro

Stanchi della solita insalata di riso? Ecco l'alternativa gustosa

L’insalata estiva di farro è una ricetta davvero semplice da preparare, gustosa per un pranzo al volo, perfetta da preparare e conservare per essere mangiata in qualsiasi momento. Ideale da portare al mare per evitare i soliti panini!

DIFFICOLTÀ: facile 10
PREPARAZIONE: 10 min
COTTURA: 25 min
COSTO: basso

INGREDIENTI

80 g di farro perlato
8 pomodorini ciliegino
1 cucchiaio di mais
1 cucchiaio di olive nere
basilico
olio evo
sale e pepe

INSALATA ESTIVA DI FARRO

PROCEDIMENTO
L’insalata estiva di farro è un piatto facile da realizzare e molto gustoso nella sua semplicità. Lo possiamo prepare anche in abbondanza e conservarlo in frigorifero nei contenitori per alimenti. Iniziamo la nostra ricetta mettendo in cottura il farro perlato seguendo le indicazioni riportate sulla confezione, in genere sono sufficienti 20 minuti di cottura da quando inizia a bollire l’acqua. Nel frattempo prepariamo il condimento. Laviamo e tagliamo in 4 parti i pomodorini ciliegino, li scottiamo a fiamma bassa in una padella antiaderente con un filo di olio evo e qualche foglia di basilico per insaporire il condimento. Aggiustiamo di sale e pepe e lasciamo andare per 5 minuti.
 
Se non vogliamo usare grassi, li lasciamo appassire al naturale usando la loro acqua di vegetazione, oppure aggiungendo un goccio di acqua per aiutarli in cottura. Scoliamo il farro e lo uniamo ai pomodorini che abbiamo scottato in padella. Alziamo leggermente la fiamma e facciamo croccare dolcemente il farro. Questo passaggio lo faccio sempre per evitare la tipica consistenza molliccia delle cose bollite! Saranno sufficienti circa 5 minuti, poi uniamo le olive nere denocciolate ed il mais ben lavato dal suo liquido di conservazione. Una macinata di pepe nero e mantechiamo a fiamma vivace per alcuni minuti, secondo il nostro gusto. Se vogliamo insaporire ulteriormente l’insalata estiva di farro,  possiamo aggiungere altre foglie di basilico o del peperoncino fresco per gli amanti dei sapori forti.

SUGGERIMENTO

L’inslata estiva di farro è perfetta anche per un’apericena. Con un po’ di fantasia possiamo usare questa ricetta sotituendo qualche ingrediente, per esempio usare i pomodorini datterino arancioni!

SEGUIMI SUI SOCIAL

noi single in cucina youtube

Tagliatelle al pomodoro

tagliatelle-al-pomodoro
tagliatelle-al-pomodoro

Tagliatelle al pomodoro: La grande tradizione italiana

Le tagliatelle al pomodoro hanno sempre fatto Domenica, il piacere della tavola in famiglia! Farle a mano non se ne parla, quindi le compriamo fresche di buona qualità e in pochi minuti sarà Domenica anche mercoledì!

DIFFICOLTÀ: facile
PREPARAZIONE: 5 min
COTTURA: 10 min
COSTO: basso

INGREDIENTI

100 gr di tagliatelle all’uovo
30 gr di sugo al pomodoro
basilico fresco
sale q.b.

TAGLIATELLE AL POMODORO

PROCEDIMENTO
Le tagliatele al pomodoro sono fra i primi piatti più conosciuti all’estero. Le tagliatelle all’uovo sono un’antica tradizione  della nostra cucina, e spesso si servono nel pranzo della domenica. Con una buona manualità possiamo anche prepararle da soli, oppure acquistarle direttamente al pastificio. A questo proposito mi sono comprato una macchina elettrica per fare la pasta. Cambio solo la trafila e la pasta si prepara da sola nel tempo che l’acqua bolle (questo il link). Iniziamo la ricetta e mettiamo a bollire una pentola con dell’acqua, senza mettere il sale. Mentre aspettiamo che l’acqua raggiunga il bollore, scaldiamo sul fuoco una padella antiaderente con dell’olio evo.
 
Per fare prima, usiamo una porzione di sugo pronto dal nostro freezer che abbiamo già scongelato a temperatura ambiente, oppure, possiamo prepararlo al momento, ci vorrà poco tempo (leggi la ricetta del sugo al pomodoro). Una volta preparato uniamo qualche foglia di basilico fresco per profumarlo durante la cottura. Mettiamo una presa di sale nell’acqua e lessiamo le tagliatelle. Prendiamo una tazzina da caffè e la riempiamo con l’acqua di cottura, potrebbe servirci per allungare il sugo nel caso fosse tropo asciutto. Scoliamo le tagliatelle al dente e le caliamo direttamete nella padella col sugo. Amalgamiamo bene e condiamo le tagliatelle al pomodoro con un leggero filo di olio evo e del parmigiano fresco. Guarda il video della ricetta qui sotto. Serviamo le tagliatelle al pomodoro con qualche foglia di basilico.

SEGUIMI SUI SOCIAL

noi single in cucina youtube

Frullato di fragole e basilico

frullato-di-fragole-e-basilico
frullato-di-fragole-e-basilico

Ricco di nutrienti perfetto per un dopo allenamento

Il frullato di fragole e basilico si prepara in pochissimo tempo. Tutti ingredienti freschi di stagione per un sapore davvero unico, oltre ad un binomio insolito da provare.

DIFFICOLTÀ: facile
PREPARAZIONE: 5 min
COSTO: basso

INGREDIENTI

70 g di fragole
80 ml di yogurt bianco
80 ml di latte
miele
basilico

FRULLATO DI FRAGOLE E BASILICO

PROCEDIMENTO
Il frullato di fragola e basilico è un connubio fra vitamine e energia, adatto per una ricca merenda o dopo un allenamento in palestra. Questa ricetta la possiamo preparare con diversi elettrodomestici come un frullatore sottovuoto, un mini robot da cucina o un frullatore ad immersione, come in questo caso. Iniziamo a lavare le fragole, le puliamo bene e tagliamo via il picciolo verde. Su di un tagliere pulito le tagliamo in 4 parti e le versiamo nel bicchiere di un frullatore ad immersione.
 
Ricopriamole con qualche cucchiaio di miele, tipo millefiori, 4 o 5 foglioline di basilico ben lavato e mezzo vasetto di yogurt bianco (l’equivalente di circa 80 ml). Per ultimo, il latte freddo di frigorifero. Agganciamo l’accessorio gambo mixer al corpo motore, e immergiamolo nel bicchiere usando la massima velocità. Frulliamo tutti gli ingredienti per circa 50 secondi prima di versare il frullato di fragole e basilico nel bicchiere.

SUGGERIMENTO

Questo frullato lo possiamo interpretare in diversi modi. Possiamo sostituire il latte con quello di mandorle o di soia. Le fragole con i frutti di bosco.

SEGUIMI SUI SOCIAL

noi single in cucina youtube

Pizza margherita fatta in casa

pizza-margherita
pizza-margherita

La più buona e amata in tutto il mondo

La pizza margherita, con le sue infinite varianti, rappresenta il simbolo della tradizione culinaria italiana in tutto il mondo.

DIFFICOLTÀ: media
PREPARAZIONE: 10 min
COTTURA: 15 min
COSTO: basso

INGREDIENTI

250 g di pasta per pizza
300 g di pomodori pelati
200 g di mozzarella
olio evo
basilico
sale e pepe q.b.
farina q.b.

PIZZA MARGHERITA

PROCEDIMENTO

Prima di iniziare la preparazione della pizza margherita, dobbiamo preparare l’impasto base per pizza seguendo la nostra ricetta. Oppure puoi guardare il video della ricetta qui sotto.

Sul piano di lavoro mettiamo una buona quantità di farina sulla quale adagiare l’impasto per la pizza. Con l’aiuto dei polpastrelli, stendiamo l’impasto, in maniera delicata, senza usare il mattarello. La farina sottostante aiuterà l’impasto a scivolare e ad allungasi in maniera naturale, conservando la sua lievitazione. Su una teglia rotonda per pizza, oppure in una teglia da forno antiaderente mettiamo dell’olio evo e lo stendiamo con le dita. Ora possiamo stendere la pizza sulla teglia e, delicatamente, aggiustiamo l’impasto in tutta la larghezza dello stampo. In una boule di vetro mettiamo i pomodori pelati e, con l’aiuto di una forchetta, li rompiamo dolcemente fino a ridurli in piccoli pezzetti.

Uniamo il sale, il pepe e un filo di olio evo, mescoliamo bene e disponiamo la salsa così ottenuta, sopra l’impasto per la pizza margherita. Prima di infornare mettiamo ancora un filo di olio evo sulla pizza. Regoliamo la temperatura del forno a 220°-250 ° e inforniamo per circa 10 minuti. Nel frattempo tagliamo la mozzarella a piccoli cubetti e li mettiamo in un colino per fare scolare il latte in eccesso. Trascorsi i 10 minuti, tiriamo fuori dal forno la pizza e procediamo a cospargere la superficie con la mozzarella a cubetti. Qualche foglia di basilico fresco e inforniamo ancora per circa 5 minuti, il tempo che la mozzarella si sciolga dolcemente con il calore. Trascorso il tempo tiriamo fuori dal forno la pizza margherita e lasciamo raffreddare qualche minuto prima di servirla. Guarda il video della ricetta qui sotto.

SEGUIMI SUI SOCIAL

noi single in cucina youtube

Spaghetti in salsa di pomodori secchi

spaghetti-in-salsa-di-pomodori-secchi
spaghetti-in-salsa-di-pomodori-secchi

Sperimentare in cuina è sempre molto divertente

Gli spaghetti in salsa di pomodori secchi sono un primo piatto frutto di riciclaggio di ingredienti trovati nella dispensa. Il mondo delle salse non conosce confini e la pasta è un ottimo alleato in questo senso!

DIFFICOLTÀ: facile
PREPARAZIONE: 12 min
COTTURA: 15 min
COSTO: basso

INGREDIENTI

100 g di spaghetti
50 g di pomodori secchi
30 g di mandorle
30 g di parmigiano
basilico fresco
1 acciuga sott’olio
olio evo

SPAGHETTI IN SALSA DI POMODORI SECCHI

PROCEDIMENTO

Gli spaghetti in salsa di pomodori secchi sono un primo piatto perfetto quando hai la dispensa vuota o non vuoi andare a fare la spesa. Molte idee in cucina, nascono proprio dal riciclaggio di avanzi di barattoli o alimenti prossimi alla scadenza. Non a caso, il cibo povero è sempre di grande tendenza… e i ristoranti lo sanno bene.

Iniziamo la preparazione del condimento, mentre aspettiamo che l’acqua raggiunga il bollore per cuocere gli spaghetti. Sgoccioliamo i pomodori secchi dall’olio di conservazione e li tagliamo a pezzettini. Li mettiamo in un frullatore ad immersione insieme alle mandorle, l’acciuga, il basilico fresco ed un generoso filo di olio evo. Frulliamo a intermittenza, senza tenere premuto di continuo, per ottenere una salsa granulosa e non liscia come una vellutata. Ci fermiamo dopo qualche istante per unire il parmigiano e, se dovesse risultare troppo asciutta, aggiungiamo ancora dell’olio evo.

Frulliamo la salsa senza ridurla un omogeneizzato! Scaldiamo una padella antiaderente sul fuco con un filo di olio evo. Mettiamo qualche cucchiaio della salsa appena preparata e la stemperiamo con mezzo mestolo di acqua di cottura della pasta. Con un forchettone, scoliamo gli spaghetti molto al dente direttamente nella padella e proseguiamo la loro cottura aggiungendo acqua dalla pentola.

Qualche minuto per mantecare gli spaghetti con la salsa ai pomodori secchi, poi togliamo dal fuoco e serviamo gli spaghetti in salsa di pomodori secchi. Possiamo decorare il piatto con scaglie di mandorle o pezzettini di pomodoro sott’olio. A me piace aggiungere anche del pangrattato sopra, come se fosse parmigiano, provateci.

SEGUIMI SUI SOCIAL

noi single in cucina youtube