Capsule caffè migliori: come sceglierle

capsule caffè migliori

CAPSULE CAFFÈ: COME SCEGLIERE LE MIGLIORI IN COMMERCIO

Le capsule caffè sono una forma conveniente per gustare il caffè a casa. In Italia, molte marche famose come Lavazza, Nespresso, Illy e Caffè Borbone producono capsule compatibili per i sistemi più diffusi. Ma quali sono le capsule caffè migliori?

La tradizione del caffè espresso italiano è conosciuta in tutto il mondo per la sua qualità e per l’esperienza unica che offre. Con l’aumento della popolarità della comodità delle capsule, molti consumatori stanno cercando di replicare questa esperienza a casa. In un altro articolo ho già affrontato il tema delle capsule (leggilo qui), ma da un punto di vista di praticità e facilità di utilizzo. In questo, invece, voglio consigliare le modalità per scegliere le migliori marche di capsule caffè in Italia e ciò che rende ciascuna di esse unica.
Tuttavia, con così tante opzioni disponibili sul mercato, è bene che alcuni fattori non siano sottovalutati durante la scelta.

CAPSULE CAFFÈ: COME SCEGLIERLE

QUALITÀ DEL CAFFÈ

L’importanza dell’origine e la qualità del caffè utilizzato sono il primo passo. Alcune marche utilizzano caffè di alta qualità proveniente da coltivazioni sostenibili, mentre altre utilizzano caffè di qualità inferiore. Assicuriamoci di leggere l’etichetta e di informarci sull’origine del caffè utilizzato per scegliere una capsula che soddisfi anche i nostri standard etici.

QUANTITÀ DI CAFFÈ

Alcune capsule possono contenere una quantità maggiore di caffè rispetto ad altre, questo può influire sul gusto e sulla qualità del caffè, quindi è importante scegliere una capsula adatta alle nostre preferenze personali. In altri casi il contenuto di caffè è minore di quello necessario compromettendo il risultato, spesso sono le più economiche.

VARIETÀ

Scegliamo una marca che offra una vasta gamma di opzioni di capsule, in modo da poter sperimentare con nuovi gusti e varietà, senza compromettere i punti che seguono.

SOSTENIBILITÀ

Consideriamo l’impatto ambientale delle capsule e preferiamo opzioni più sostenibili come quelle riciclabili o compostabili. Molte di queste capsule sono monouso e finiscono per essere smaltite nell’ambiente, causando problemi ambientali. Alcune marche offrono capsule riciclabili o biodegradabili, quindi è importante considerare questo aspetto quando si sceglie una capsula di caffè.

CERTIFICAZIONI

Alcune marche offrono caffè proveniente da coltivazioni biologiche o certificate fairtrade, che possono essere un fattore importante per chi vuole sostenere una produzione sostenibile e etica.

CAPSULE CAFFÈ: I BRAND PIÙ VENDUTI

In Italia la nostra tradizione legata al caffè ha fatto crescere sempre più la fiducia verso alcuni marchi che, anche questo anno, si sono ben posizionati nelle classifiche di vendita, oltre che nelle preferenze dei consumatori.

LAVAZZA

Lavazza è un’azienda italiana fondata nel 1895 ed è considerata una delle più grandi aziende di caffè del paese. Lavazza offre una vasta gamma di opzioni di capsule, tra cui varietà di caffè espresso e altri caffè speciali. La qualità del caffè di Lavazza è eccezionale e molti consumatori sostengono che le capsule Lavazza offrono un’esperienza di degustazione molto simile a quella del caffè espresso tradizionale.

NESPRESSO

Nespresso è una marca di capsule di caffè molto conosciuta a livello globale e anche in Italia. La marca è stata fondata nel 1986 e da allora si distingue per la sua gamma di opzioni di caffè e gusti, offrendo una vasta scelta di sapori e intensità. La qualità del caffè Nespresso è considerata ottima, con caffè di qualità superiore rispetto ad altre marche di capsule di caffè. Nespresso utilizza solo caffè di qualità superiore, selezionato da coltivatori di tutto il mondo e macinato fresco per ogni capsula. Inoltre, Nespresso offre anche diverse opzioni di caffè biologico e proveniente da coltivazioni sostenibili, per soddisfare le esigenze dei consumatori che cercano opzioni più etiche e sostenibili.

ILLY

Illy e stata fondata nel 1933 e questa azienda italiana è conosciuta per la qualità del caffè espresso e per la sua attenzione alla sostenibilità. Illy offre una vasta gamma di opzioni di capsule, tra cui varietà di caffè espresso e altri caffè speciali. Il caffè Illy è conosciuto per il suo aroma intenso e gusto equilibrato.

CAFFÈ BORBONE

Caffè Borbone è un’azienda italiana conosciuta per la qualità del caffè e per la sua attenzione alla sostenibilità. Caffè Borbone offre una vasta gamma di opzioni di capsule. Il caffè Borbone è conosciuto per il suo aroma intenso e gusto equilibrato, e per essere compatibile con le macchine da caffè.

SUPERMERCATO: LE ALTRE CAPSULE

Un piccolo mercato parallelo è rappresentato, e molto apprezzato, anche dalle capsule caffè prodotte dai supermercati disponibili sul mercato. Queste capsule sono spesso più economiche rispetto alle marche più famose, ma la qualità del caffè può variare notevolmente. Anche in questo caso, è importante sceglierle con cura e leggere le recensioni dei clienti.

COOP

Qualità e prezzo conveniente, vasta gamma di opzioni di caffè, buona compatibilità con le macchine da caffè

ESSELUNGA

Qualità e prezzo accessibile, varietà di caffè e miscele speciali, buona compatibilità con le macchine da caffè

CONAD

Qualità del caffè buona, varie tipologie di caffè, prezzo conveniente, la compatibilità con le macchine da caffè è generalmente buona e i clienti sono soddisfatti della qualità del caffè.

CARREFOUR

Qualità e prezzo conveniente, diverse opzioni di caffè e bevande, la compatibilità con le macchine da caffè è generalmente buona.

CONSIGLIATI PER TE

Come conservare il caffè

come-conservare-il-caffe

MAI CONSERVARE IL CAFFÈ IN FRIGORIFERO: ECCO PERCHÈ.

Per bere un buon caffè bisogna seguire alcune regole, ecco perché è importante sapere come conservare il caffè. Conservarlo bene, al riparo dalla luce e dal freddo e soprattutto mai in frigo.

Sono da sempre un amante del caffè, lo bevo in diversi momenti della giornata e sempre con moderazione. Dopo aver parlato del galateo del caffè, come berlo e come servirlo, (leggilo qui), capire come conservare il caffè era inevitabile. Il mondo del caffè è pieno di falsi miti, uno su tutti riguarda la conservazione nel frigo di casa, sbagliatissima e per diverse ragioni che leggeremo più avanti. Ho voluto fare luce sui principali aspetti senza dilungarmi in futili chiacchiere.

CONOSCERE IL CAFFÈ

Per ottenere un buon caffè ci sono molte variabili da dover considerare, e tutte di vitale importanza. Ecco perchè è importante sapere come conservare il caffè. Aria, umidità, calore e luce sono i principali nemici del caffè che, essendo ricco di grassi, li concentra tutti sulla superficie durante la fase di tostatura. L’aria modifica il sapore rendendolo rancido per effetto dell’ossidazione, l’umidità e il calore accelerano questo processo. La tostatura provoca l’aumento di volume del caffè e lo rende poroso e penetrabile dall’aria e dall’umidità presente nell’ambiente. Gli esperti sostengono che il caffè andrebbe consumato il prima possibile e consigliano l’acquisto di piccole quantità per mantenere sempre fresche tutte le proprietà organolettiche. Mentre prendevo appunti su autorevoli siti, come caffè Borbone e Vergnano, mi è balzata all’occhio la regole del 2 che in molti scrivono, ve la riporto sotto perché interessante. “Il 50% degli aromi del caffè in grani si modifica in soli 2 giorni, Il 50% del caffè macinato si modifica in sole 2 ore, mentre il 50% del caffè espresso in tazzina degrada in soli 2 minuti”.

POTREBBE INTERESSARTI

Le macchine con sistema a capsule sono le più diffuse rispetto agli altri sistemi. Il loro successo è dovuto alle capsule caffè e al loro utilizzo. Ho scritto un articolo che spiega questo enorme successo: Capsule caffè: perchè sono così popolari“.

COME CONSERVARE IL CAFFÈ

Probabilmente, lasciare il caffè nel suo sacchetto originale, potrebbe essere la soluzione migliore. 
Ci sono due fattori principali che devono essere sempre considerati, la luce e il caldo. La luce accelera il processo di invecchiamento del caffè alterandone il processo di qualità e freschezza. Ecco perché è importante conservare il caffè in un barattolo scuro, meglio se con chiusura ermetica e che non lasci entrare la luce. La chiusura ermetica, infatti, è ideale per contrastare l’assorbimento di umidità e di odori. Scegliamo un contenitore non troppo grande, in questo modo avremo meno aria da richiudere insieme al caffè.

DOVE CONSERVARE ILCAFFÈ

Sicuramente in un luogo fresco e asciutto, questo lo troviamo scritto anche sulle confezioni del caffè. Preferiamo un pensile lontano da fonti di calore (forno o termosifone per esempio), meglio se non illuminato dal sole. La temperatura ideale per una corretta conservazione del caffè va dai 15° ai 25°, con un’umidità dell’aria intorno al 50%.

MAI CONSERVARE IL CAFFÈ IN FRIGORIFERO

Dunque come conservare il caffè? Anche se molti amano tenerlo in frigo, esiste una spiegazione tecnica per cui è meglio non farlo: il freddo apporta umidità alla miscela. Lo sbalzo termico al quale il caffè verrebbe sottoposto ogni volta che lo togliamo e rimettiamo nel frigo, apporta umidità alla miscela.
 Questo accelera il processo di deperimento della miscela stessa perché il caffè non va d’accordo né col freddo né con l’umidità. Inoltre il caffè nel frigo assorbe tutti gli odori degli alimenti contenuti. Per motivi che ho descritto sopra, vale la stessa cosa anche per la conservazione nel freezer.

I NEMICI DEL CAFFÈ

ARIA
Il caffè viene venduto in confezioni sottovuoto e la mancanza di aria è la condizione necessaria alla sua conservazione. Il sottovuoto aiuta il caffè a mantenere intatto il sapore della miscela scelta, oltre alla morbidezza della polvere.

UMIDITÀ
Il caffè è igroscopico, significa che ha la capacità di assorbire molecole di acqua dall’ambiente in cui si trova, questa umidità rovina la polvere e i grani in modo particolare.

CALORE
La temperatura superiore ai 25° influisce negativamente sulla conservazione dell’aroma del caffè, che già di suo viene perduto dopo neanche due ore dall’apertura della confezione. Attenzione a non lasciare il caffè vicino a fonti di calore.

LUCE
Insieme al calore, la luce procura effetti similari. L’esposizione a fonti luminose deteriora sia la polvere di caffè che i chicchi.

SEGUIMI SUI SOCIAL

noi single in cucina youtube

Le macchine da caffè: i sistemi più diffusi

macchine espresso da casa
macchine espresso da casa

MACCHINE DA CAFFÈ ESPRESSO: LE TIPOLOGIE

Niente batte una tazza calda e fumante del nostro caffè preferito quando ci svegliamo al mattino. Con la semplice pressione di un dito, siamo in grado di preparare un espresso a regola d’arte con le migliori macchine da caffè: facile vero?

Ci sono così tante macchine da caffè espresso sul mercato che sarà difficile trovare quella giusta per le nostre esigenze specifiche. È facile lasciarsi travolgere dalle scelte, dalle caratteristiche e dai vantaggi del prodotto quando acquistiamo una buona macchina da caffè. Ma per ottenere il massimo dalla nostra macchina da caffè, dobbiamo solo decidere quali tipi di caffè vogliamo bere di più, e quali sono le nostre priorità in termini di caffeina, al fine di investire bene il nostro denaro.

Possiamo spendere molto per aver un vero e proprio gioiello tecnologico che programma il caffè al posto nostro, oppure continuare ad usare la solita miscela di caffè con una macchina semi automatica. Se nel nostro cuore batte ancora quel senso di appartenenza alle novità, sicuramente un sistema a capsule sarà la scelta migliore con un investimento economico non così dispendioso. Se sei alla ricerca di una buona macchina da caffè questa potrebbe diventare l’accessorio più usato nella tua cucina.

capsule-caffe

SISTEMA A CAPSULE

Le macchine da caffè a capsule sono le più vendute. Hanno un sistema talmente pratico che le rende imbattibili, basta semplicemente inserire la capsula scelta e premere il bottone, nel giro di 5 secondi il caffè viene erogato, il tutto senza neanche sporcare il piano di lavoro con la polvere di caffè! Il sistema è fra i più diffusi e quindi molto pratico, le capsule da usare contengono dai 5 ai 7 grammi di caffè macinato chiuso ermeticamente, mentre la pressione della macchina può raggiungere anche i 19 bar, che è la migliore in assoluto. Più alta è la pressione, più il caffè erogato sprigiona tutte le sue sfumature sensoriali. Le capsule in commercio sono davvero tante, oltre ai sistemi prioritari, esiste tutto un mondo di compatibili che abbatte notevolmente i costi, bisogna però ammettere che non tutte le capsule raggiungono una buona qualità.

Questo sistema ci limita ad utilizzare solo un tipo di capsule – a seconda della marca produttrice- e non ci permette di poter fare il caffè con la polvere, nel momento in cui dobbiamo farne molti, non è certo il caffè più economico. Esistono però diversi tipi di macchine a capsule per i diversi sistemi prioritari creati dalle multinazionali. Oltre al sistema più diffuso -Nespresso-, ce ne sono altri che hanno capsule in grado di fare anche il cappuccino, il latte macchiato, il caffè ginseng, the e tisane di ogni sorta. Questo tipo di macchina è molto economico e le sue capsule sono a base di preparati liofilizzati, la pressione dell’acqua non supera i 12 bar, che sono davvero pochi, e l’acqua erogata non raggiunge un buon grado di calore.

PRO

Le macchine a capsule offrono un grande scelta
Le capsule compatibili sono molto convenienti
Possiamo comprare una varietà di tipi di caffè infinita

CONTRO
Le capsule possono diventare una spesa se ne consumiamo molte in una giornata
Fanno un caffè alla volta

POTREBBE INTERESSARTI

Le macchine con sistema a capsule sono le più diffuse rispetto agli altri sistemi. Il loro successo è dovuto alle capsule caffè e al loro utilizzo. Ho scritto un articolo che spiega questo enorme successo: Capsule caffè: perchè sono così popolari“.

SISTEMA IN POVERE E A CIALDE

Se amiamo il caffè espresso, come quello del bar, le macchine da caffè manuali ci permettono di usare la nostra miscela preferita senza necessità di doverla cambiare o di passare a quella delle capsule. Possiamo usare tutti i tipi di caffè macinato di ogni marca oppure preferire quelli della torrefazione scelti da noi. Molti preferisco questo tipo di sistema perché possono personalizzare il caffè variando la miscela e anche la lunghezza dell’acqua. Inoltre, grazie agli accessori in dotazione, è possibile preparare il caffè per una o due tazze, oltre alla possibilità di poter utilizzare anche le cialde -ESE- (quelle piatte nel filtro di carta).

Un altro vantaggio di questo sistema, è quello di avere il beccuccio scalda latte. Con questo accessorio si possono preparare fantastici cappuccini come al bar, oppure scaldare l’acqua in pochi secondi per ottenere the e tisane all’istante. Si possono preparare anche delle ottime cioccolate calde. Per questo tipo di uso è molto importante avere una buona pressione della macchina, altrimenti non riusciremo ad ottenere dei risultati soddisfacenti, scegliamo macchine che abbiano almeno 15 bar di pressione.

PRO
Più economiche delle macchine automatiche
Usa caffè macinato di qualsiasi marca
Consente la personalizzazione del caffè

CONTRO
Non sono facili come le macchine a capsule
Richiedono più pulizia (e attenzione) delle parti in uso

SISTEMA IN POVERE E A CIALDE

SISTEMA AUTOMATICHE E A GRANI

Questo tipo di macchine sono per i più appassionati del caffè, quelli che non lesinano sull’acquisto della macchina stessa, tantomeno sulla miscela di caffè in grani. Il più grande vantaggio di queste macchine è che macinano i chicchi di caffè ogni volta che ne vogliamo prepararne uno, quindi il nostro espresso sarà sempre fresco e appena macinato come quello del bar.
Anche in questo caso abbiamo la possibilità di poter fare una o due tazze contemporaneamente, a differenza del sistema in capsule che ne fa solo una per volta. Fra le funzioni troviamo il beccuccio per scaldare il latte o l’acqua, per preparare ottimi cappuccini o tisane.

Oltre a preparare il caffè più fresco, di solito sono semplici da usare. Molte di queste macchine da caffè hanno una varietà di opzioni di personalizzazione, come la possibilità di scegliere il tipo di macinatura del caffè, la temperatura dell’acqua nella fase di erogazione e la forza del caffè. La maggior parte ti permette anche di usare il caffè macinato se finisci quello in grani o vuoi un decaffeinato. Sono dei veri e propri gioielli di alta tecnologia, con un cuore comandato da un piccolo computer di bordo che controlla tutte le innumerevoli funzioni messe a disposizione per noi. Come tutte le cose belle hanno un prezzo poco abbordabile. Si parte da €. 300 fino ad arrivare anche a €.1600 per i modelli più esclusivi e super accessoriati, curati nel design e nei materiali impiegati. Per approfondire l’argomento, leggi la guida “Macchine da caffè automatiche“.

PRO
Il caffè è più fresco
Ampie opzioni di personalizzazione
Possono fare il cappuccino in automatico

CONTRO
Sono le più costose in assoluto
Possono essere macchine molto ingombranti
Richiedono una manutenzione maggiore

MACCHINE DA CAFFÈ: QUALE SCEGLIERE

Il grande mercato delle macchine da caffè è in continua crescita, conoscere le differenze fra i principali tipi può rivelarsi molto utile se intendiamo fare questo tipo di acquisto. Mi preme però sottolineare che per ogni tipologia di macchina da caffè, esistono quelle buone e quelle meno. Consiglio sempre di leggere bene tutte le specifiche tecniche prima di acquistarle, impariamo anche a leggere le recensioni dei clienti sui siti di e-commerce, sono spesso un valido aiuto.

Quindi, se non sappiamo con esattezza quale tipo di macchina da caffè scegliere, un veloce riassunto potrebbe essere di aiuto.

Se Amiamo la praticità e la velocità senza badare a spese, una macchina da caffè a capsule è perfetta.
Se ci piace l’espresso ma non vogliamo spendere troppi soldi, una macchina da caffè in polvere è la soluzione migliore.
Se siamo dei veri appassionati del caffè e ci piace il gusto fresco appena macinato, una macchina da caffè in grani non mancherà di sorprenderci.

SEGUIMI SUI SOCIAL

noi single in cucina youtube

Galateo del caffè: come si beve e come si serve

galateo-del-caffè
galateo-del-caffè

Galateo del caffè: Vietato succhiare o leccare il cucchiaino!

In Italia consumiamo circa 6 kg di caffè pro-capite, in capsule o con la moka, per molti di noi rappresenta un simbolo di ospitalità. Non esiste niente di più bello che offrire una tazzina di caffè. Ma come servirla?

Il galateo del caffè è un insieme di poche regole per sapersi comportare in occasioni formali e non sentirsi fuori posto. Esattamente come per il galateo della tavola, anche per il caffè esistono movimenti da fare e altri da evitare assolutamente! Come i mignoli che volano in alto, succhiare o leccare il cucchiaino, roteare la tazzina come fosse un bicchiere di Chardonnay. Il galateo del caffè è un occasione in più per dimostrare di conoscere le buone maniere. Oltre a saperlo bere, esiste un vero e proprio rito per servirlo. Regole fondamentali per diventare ottimi padroni di casa.

CAFFETTIERE

federico-grilli-hse24

GALATEO DEL CAFFÈ: COME SI SERVE

Il galateo del caffè prevede che non si serva a tavola, ma in salotto. Solo al ristorante viene servito al tavolo. Lo zucchero viene aggiunto da chi serve il caffè, che si deve informare di quanto zucchero desideri ciascun ospite e a riempire quindi ogni tazzina con il caffè e poi con lo zucchero. Se si usa la macchina da espresso, il caffè viene fatto in cucina e poi servito in salotto con un vassoio ed un massimo di 5 tazzine alla volta, per non farlo freddare.
Può essere utile riscaldare le tazzine tenendole nel forno a 50°C per qualche minuto, in modo da non servire il caffè freddo. Il cucchiaino deve essere messo sul piattino dal lato del manico, possibilmente alla destra dell’ospite.

galteo-del-caffè

IL CAFFÈ SI GIRA ANCHE SE AMARO

Esiste un modo per girare il caffè, anche quando lo prendiamo senza zucchero. Questo serve a diffondere meglio gli aromi sprigionati dall’erogazione del caffè stesso, oltre a riconoscere i sapori della miscela scelta. L’uso del cucchiaino si rivela fondamentale sempre, lo usiamo semplicemente dall’alto verso il basso e mai in senso orario o antiorario. Naturalmente evitiamo di fare rumore contro le pareti della tazzina o di girarlo vorticosamente. Il cucchiaino si poggia sul piattino senza farlo passare per la bocca.

tazzine-di-caffè

SERVIZI DA CAFFÈ

POTREBBE INTERESSARTI

Il galateo non riguarda esclusivamente il caffè. Conoscere le buone maniere a tavola e saperle usare nei momenti opportuni fa bene all’autostima, perché aiuta a sentirsi appropriati in ogni situazione e sicuri di sé. Ho scritto una guida sul galateo della tavola che potete leggere qui.

GALATEO DEL CAFFÈ: SI BEVE IN MODO COMPOSTO

Il galateo del caffè ha poche e semplici regole che vanno sempre rispettate mentre beviamo il nostro caffè. Evitiamo di fare rumore con la bocca, il caffè deve scendere in modo naturale dalla tazzina, non deve essere aspirato! Evitiamo di rovesciare la testa all’indietro per fare scendere anche l’ultima goccia. La postura prevede le braccia lungo il corpo mentre la mano destra prende la tazzina dal manico avendo cura di non sollevare il mignolo, poco chic e molto parvenu. La mano sinistra tiene il piattino col cucchiaino se siamo in piedi, altrimenti lo lasciamo sulla tovaglia se il caffè viene servito a tavola.

barista

GALATEO DEL CAFFÈ: LE REGOLE

Il caffè va sempre servito col suo piattino.
Il cucchiaino non si divide mai con nessuno, anche se abbiamo confidenza col nostro ospite.
A chi lo gradisce amaro, si serve ugualmente il cucchiaino.
Il cucchiaino non va leccato e non deve essere usato per raccogliere lo zucchero sul fondo.
Lo zucchero lo mette chi serve.
La tazzina si prende con la mano destra avendo cura di tenere le dita raccolte, evitiamo il mignolo alzato.
Non si soffia sul caffè.
Il cucchiaino non va mai lasciato nella tazzina, meglio poggiarlo sul piattino.
La tazzina va portata alla bocca e non il contrario.

ZUCCHERIERE

SEGUIMI SUI SOCIAL

noi single in cucina youtube

Montalatte elettrico: come scegliere il migliore cappucinatore

montalatte-elettrico
montalatte-elettrico

Come scegliere Il migliore montalatte elettrico

Il montalatte elettrico è il gadget del momento, perfetto anche in estate per meravigliosi cappuccini freddi schiumati a regola d’arte. Ecco come scegliere il migliore cappucinatore.

Il montalatte elettrico sembra vivere il suo periodo di gloria come mai prima! Dopo il boom delle macchine da caffè a capsule, questo oggetto del desiderio diventa quasi obbligatorio. Come scegliere il migliore cappucinatore? Se siamo amanti del cappuccino piuttosto che del latte macchiato, sarà sicuramente un plus averlo nel nostro angolo bar. Con un montalatte elettrico possiamo cambiare completamente la nostra routine mattutina, regalandoci un cappuccino a regola d’arte, come quelli del bar. Il latte perfettamente schiumato rende ancora più buone le bevande a base di caffè espresso, chi lo ha provato si è dichiarato più che soddisfatto, basta leggere le recensioni degli acquirenti sui diversi siti. Pur essendo un gadget apparentemente semplice nelle sue funzionalità, a seconda dei modelli, possiamo anche preparare cioccolata calda, bevande vegetali, frullati proteici, bevande per neonati e vino caldo. Poche e semplici funzionalità distinguono il montalatte elettrico l’uno dall’altro, ecco come orientarsi all’acquisto.

MONTALATTE ELETTRICO: COME SCEGLIERE IL MIGLIORE CAPPUCCINATORE

Come funziona

Il cappucinatore ha un funzionamento molto semplice: per rendere spumoso e cremoso il latte all’interno del contenitore, una piccola frusta a spirale inserita nella base gira energicamente montandolo. Contestualmente permette, a seconda dei diversi modelli, di riscaldare il latte durante la procedura, di scegliere la temperatura preferita o di ottenere la schiuma fredda con il latte freddo! Per riscaldare il latte i modelli con base girevole di solito usano una resistenza, mentre quelli che hanno il contenitore in acciaio del latte estraibile, sfruttano il meccanismo dell’induzione. Quest’ultimo è particolarmente adatto per selezionare con precisione la temperatura desiderata del latte, diventando un plus per i modelli più costosi.

Potenza

Questi piccoli elettrodomestici hanno potenze diverse in base ai modelli, ma non significa che quelli meno costosi non abbiano una buona potenza. In genere si va dai 400 W fino ai 600 W, una potenza maggiore permette di avere tempi minori nella preparazione. Una potenza di 500 W è perfetta per tutte le preparazioni. Molti montalatte di fascia medio bassa sono dotati di buona potenza, si possono così ottenere tutte le caratteristiche spendendo cifre oneste.

Funzioni

I modelli in commercio offrono funzioni semplici e hanno costi diversi in base alle opzioni o ai materiali impiegati e alla qualità finale. Alcuni hanno il timer che permette di ottenere risultati perfetti, altri hanno la possibilità di scegliere i gradi esatti per riscaldare il latte. Altri ancora hanno due fruste, quella a spirale per montare a spuma il latte, e quella piatta per riscaldare il latte senza schiuma. Ci sono poi programmi impostati, luci led, spegnimento automatico e segnali acustici che ci aiutano a capire quando è pronto il nostro latte.

Quale latte usare

Per ottenere i migliori risultati è preferibile usare il latte vaccino, il tipo intero ricco di grassi permette di ottenere la migliore schiuma e consistenza. Nei bar questo è il tipo di latte più usato, anche se recentemente si sta diffondendo il latte di soia versione bar, più ricco di grassi per ottenere più schiuma. Naturalmente possiamo usare anche altri tipi di latte, come quello di soia, di avena o di riso, in questo caso occorrerà più tempo per la schiuma perché il latte vegetale possiede pochi grassi. Nei modelli di ultima generazione è chiaramente indicato se funziona bene anche con il latte vegetale.

SEVERIN SM 3585

Ultimo aggiornamento Amazon 2023-02-01 at 20:31

5/5
Severin-SM-3585 montalatte elettrico

Il montalatte ad induzione Severin permette di montare sia a caldo che a freddo grazie ai suoi 500 W. Il suo design unico ha un selettore illuminato di rosso (caldo) e blu (freddo) con LED a 360°, oltre ad un segnale acustico di fine processo. È facile da usare grazie al sistema easy-select ed’è dotato di spegnimento automatico e protezione da surriscaldamento. Il contenitore in acciaio ha una capienza di 500 ml. Il montalatte è dotato di indicatore da 260 ml, misura da NON superare se si desidera montare il latte e non solamente riscaldare. Il Contenitore è dotato di un comodo beccuccio che permette di versare la bevanda in modo preciso e con un tocco di creatività. Facile pulizia del contenitore grazie alla tecnologia ad induzione che non causa bruciature da latte. Il contenitore in acciaio inossidabile è inoltre lavabile in lavastoviglie. Questo modello è dotato di apposito inserto per preparare una gustosa cioccolata da pezzi di cioccolata interi (verrano sciolti dal calore del latte).

LAVAZZA MILK EASY

Ultimo aggiornamento Amazon 2023-02-01 at 20:31

4/5
lavazza milk easy montalatte elettrico

La linea a modo mio Lavazza si completa anche del milk easy, un cappucinatore che ha vinto il premio Red Dot Design Award nel 2018. Il suo design, infatti, è il massimo della praticità ed eleganza, è così piccolo che si adatta ad ogni spazio ed’è veramente facile da usare. Premendo semplicemente il suo pulsante per alcuni secondi, si possono selezionare le tre funzioni base comuni a tutti i montalatte elettrici. Essendo di piccole dimensioni, e perfetto per chi ha poco spazio, le sue capacità interne sono ridotte rispetto ai suo rivali: si va dai 60 ml fino ai 180 ml. La potenza è di 420 W e il suo frullino magnetico serve per tutte le preparazioni. Impiega davvero poco tempo nella preparazione e risulta il migliore per dosi individuali, gli altri necessitano di quantità maggiori per funzionare. Un plus da non sottovalutare.

MONTALATTE AICOOK

5/5
montalatte elettrico aicook

Il montalatte Aicook è realizzato in acciaio inossidabile con uno strato protettivo in silicone che lo rende anti scottatura e anti scivolo. Molto bello nel suo design è capace di produrre schiuma di latte calda o fredda, oltre a scaldare il latte. Il termostato integrato mantiene la temperatura del latte a circa 65° perfetto per gli usi più comuni. Con potenza di 400 W, in 60 secondi può schiumare in modo rapido ed efficiente. Con la sua tecnologia silenziosa, non disturba durante il funzionamento. Il rivestimento è costituito con un materiale antiaderente di tipo alimentare per mantenere il latte puro e privo di residui. Frusta e spirale rimovibili, facili da pulire dopo l’utilizzo. Inoltre viene fornito un pratico pennello per la pulizia e un piccolo ricettario. Design compatto e molto pratico, oltre che bello da vedere. Da segnalere la classe energetica A+++.

ARIETE VINTAGE

Ultimo aggiornamento Amazon 2023-02-01 at 09:43

4/5
montalatte elettrico Ariete Vintage

La linea vintage di Ariete ha ricevuto grossi consensi da parte del pubblico, in questa occasione si arricchisce anche di un cappucinatore dai tratti restò in diversi colori e con un design poco ingombrante. La capacità di lavoro è di 140 ml per il latte montato e 250 ml per il latte riscaldato, la sua potenza è di 500 W. Non ha molte funzioni a disposizione ma quelle base sono più che sufficienti, con un solo pulsante si attivano 2 funzioni: schiuma calda e fredda. Consente di preparare: caffè e latte, cappuccino, crema di latte, caffè shakerato, cioccolato caldo o freddo. Il coperchio è trasparente e permette di controllare la formazione della schiuma, mentre il rivestimento interno è antiaderente. Spegnimento automatico.

DA SEGNALARE

Ultimo aggiornamento Amazon 2023-02-01 at 20:31

Ultimo aggiornamento Amazon 2023-02-01 at 20:31

Ultimo aggiornamento Amazon 2023-02-01 at 09:43

Ultimo aggiornamento Amazon 2023-02-01 at 09:43

SEGUIMI SUI SOCIAL

noi single in cucina youtube

Gelato al caffè, come al bar

gelato-al-caffe
gelato-al-caffe

GELATO AL CAFFÈ, COME AL BAR

Il gelato al caffè è un gusto non sempre facile da ottenere, per via della qualità della miscela usata. Con qualche tazzina di espresso bar sarà un gioco da ragazzi preparalo per dissetanti momenti.

CONSIGLIATI PER QUESTA RICETTA

DIFFICOLTÀ: facile
PREPARAZIONE: 20 min
MANTECATURA: 20 min
COSTO: basso

INGREDIENTI

caffè espresso 4 tazzine (100 ml)
panna fresca 200 ml
latte 200 ml
zucchero 150 g

GELATO AL CAFFÈ

PROCEDIMENTO

Il gelato al caffè ha un gusto spesso borderline simile al cappuccino, ecco perché una buona miscela di caffè potrebbe fare la differenza. Personalmente preferisco usare le capsule caffè per avere una buona cremosità con la mia macchina da caffè espresso. Per un gusto ancora più fresco e dissetante, in questa preparazione non utilizzo le uova. Iniziamo a preparare il caffè nella modalità che più preferiamo, lo versiamo in un pentolino insieme allo zucchero e lo mescoliamo a fiamma bassa fino a scioglierlo completamente.

Aggiungiamo il latte continuando a mescolare, poi la panna liquida. Manteniamo la fiamma dolce senza fargli raggiungere il punto di bollore, poi togliamo dal fuoco e lo versiamo in un contenitore. Non appena sarà freddato lo passiamo in frigorifero per almeno 3 ore. Prepariamo la nostra gelatiera elettrica e avviamola. Versiamo il gelato al caffè a filo mentre la pala gira, lasciamo mantecare per il tempo necessario, circa 20 minuti. Al termine versiamo il gelato in un contenitore e lo mettiamo in freezer 20 minuti prima di servirlo.

POTREBBE INTERESSARTI

Per ottenere un gelato morbido e cremoso, ed evitare la formazione di cristalli di ghiaccio, è importante seguire poche e semplici regole. Nella guida gelatiera elettrica: come ottenere un gelato perfetto troverai alcuni consigli per risultati sorprendenti!

SUGGERIMENTO

Il gelato al caffè è molto facile da preparare, possiamo anche usare del caffè solubile di qualità forte, oppure aggiungere delle scaglie di cioccolato fondente alla fine della lavorazione.

SEGUIMI SUI SOCIAL

noi single in cucina youtube

Gelato fiordilatte, delicato e intenso

gelato-fiordilatte
gelato-fiordilatte

GELATO FIORDILATTE, IL GUSTO DELICATO E INTENSO DEL LATTE

Il gelato fiordilatte è la preparazione più facile ed’è anche il gusto più usato nei gelati confezionati, il cornetto o il biscotto sono un esempio. Il fiordilatte è un gusto intenso da solo e piacevole con l’aggiunta di frutta fresca.

CONSIGLIATI PER QUESTA RICETTA

DIFFICOLTÀ: facile
PREPARAZIONE: 20 min
MANTECATURA: 20 min
COSTO: basso

INGREDIENTI

panna fresca 250 ml
latte fresco 250 ml
zucchero 100 g
miele 1 cucchiaio
essenza di vaniglia

GELATO FIORDILATTE

PROCEDIMENTO

Il gelato fiordilatte ha un sapore fresco ed’è il più facile di tutti da preparare, bastano davvero pochi ingredienti. In questa versione mi piace aggiungere un cucchiaio di miele millefiori per profumare il gelato. Scaldiamo sul fuoco una piccola casseruola e portiamo a bollore il latte con l’essenza di vaniglia, la trovo molto più comoda che usare la bacca. A questo punto facciamo raffreddare leggermente il latte e poi aggiungiamo un cucchiaio di miele (potete anche non metterlo) e la panna liquida. Continuiamo a mescolare sul fuoco a fiamma molto bassa per alcuni istanti, poi spegniamo e attendiamo che si raffreddi.

Travasiamo il gelato fiordilatte in un recipiente e lo mettiamo a riposare in frigorifero per almeno 3 ore prima di versarlo nella gelatiera elettrica. Ricordiamoci sempre di mantenere la catena del freddo, quindi lasciamo tutto in frigo o freezer fino all’ultimo istante. Avviamo la macchina per mantecare il gelato, al termine versiamo in un contenitore e lo mettiamo in freezer 20 minuti prima di servirlo. Con questo gelato possiamo farcire torte estive e prepara il biscotto come quello più famoso.

POTREBBE INTERESSARTI

Per ottenere un gelato morbido e cremoso, ed evitare la formazione di cristalli di ghiaccio, è importante seguire poche e semplici regole. Nella guida gelatiera elettrica: come ottenere un gelato perfetto troverai alcuni consigli per risultati sorprendenti!

SUGGERIMENTO

Il gelato fiordilatte è una fra le preparazioni considerate di base, basta infatti aggiungere qualsiasi condimento per trasformarlo in nuovi gusti. Frutta fresca o di stagione sono le migliori idee, ma anche glasse e topping al caramello non sono da escludere.

SEGUIMI SUI SOCIAL

noi single in cucina youtube

Capsule caffè: perchè sono così popolari

capsule-caffè
capsule-caffè

Le capsule caffè sono un vero e proprio business

Non servono particolari capacità tecniche, basta inserire la capsula e in pochi istanti il tuo caffè è pronto. Ecco perché le capsule godono di grande popolarità nonostante, in alcuni casi, il prezzo non sia economico.

CONSIGLIATI PER TE

Con le capsule caffè, preparare un buon caffè è davvero facile! Non sono richieste doti particolari ne certificazioni da barista esperto. Tutto quello che dobbiamo fare è inserire la capsula nella macchina e premere un bottone. In meno di 25 secondi il nostro espresso sarà pronto, cremoso e profumato proprio come quello del bar. Non esiste nulla di più gratificante per tutti gli amanti del buon caffè. Ricordo ancora la mia vecchia macchina del caffè, erano gli anni 80 e di innovativo c’era ben poco. Si doveva riempire il manicotto e agganciarlo, premere il bottone dell’erogazione e attendere l’oro nero. Tutto sembrava fantastico, ma se non azzeccavi la miscela giusta il tuo caffè era imbevibile.

In quegli anni non esistevano tutte le miscele di caffè che ci sono oggi, e al supermercato le marche erano le solite. Negli anni a venire il progresso ci ha portato sistemi sempre più intelligenti e sofisticati, sino ad arrivare alle capsule. Quando hanno fatto la loro comparsa sulla fine degli anni 90, le macchine da caffè a capsule erano veramente fantascienza. L’idea di infilare una capsula e bere un buon caffè, era impensabile. Impensabile come il fatto che potessero avere tanto successo nonostante il costo esagerato -ammettiamolo- delle capsule. Tutta l’idea in se, macchina e capsula, rappresentava un vero e proprio prodotto esclusivo, non per tutti. Se ne vuoi sapere di più, leggi “Le macchine da caffè: i sistemi più diffusi

capsule-caffè-nespresso

CAPSULE CAFFÈ: 5 MOTIVI PER AMARLE

Oggi, i dipendenti di caffè in capsule in tutto il mondo sono milioni e questo è diventato un vero e proprio business. Nessuno di noi (dipendenti) può pensare di tornare indietro a quando non esistevano! Ma perché il mondo delle capsule, originali e compatibili, sta avendo un tale successo? Ci sono diversi aspetti da valutare e tutti molto semplici: praticità, facilità e scelta.

NON DEVI AVERE PARTICOLARI ABILITÀ

Parliamoci chiaro, chi non ha mai avuto qualche trucchetto per fare il caffè migliore con la moka? Dalla quantità e qualità dell’acqua, ai tre buchi di sfiato nel filtro, fino alla polvere di cacao da aggiungere all’ultimo. Insomma bisognava essere davvero preparati per farsi una tazzina di caffè. Con le capsule è molto più facile, la infili, premi il bottone e il tuo caffè è pronto: what else? 😉

CAFFÈ SEMPRE FRESCO IN OGNI TAZZA

Quando hai a che fare con la moka e il suo caffè in polvere, sai già che dopo aver aperto il pacchetto l’aroma e la freschezza svaniranno subito. Questi sono proprio i principali aspetti che nelle capsule saranno sempre vivi, perché vengono sigillate una per una. Questo garantisce un incredibile freschezza ogni volta che la tua capsula ti regalerà il suo caffè, Sarà sempre un esplosione di aromi grazie al bouquet olfattivo che solo la capsula può dare.

TUTTO PULITO E IN ORDINE

Per preparasi un caffè con la moka senza sporcare il piano di lavoro, bisogna essere dei validi equilibristi. Ma anche molto ordinati. Comunque vada qualcosa sporcherai, la moka verserà il caffè sul piano cottura e tu ti scotterai per pulirlo immediatamente. Con la macchina espresso devi solo aprire il cassettino e infilare la capsula. Facile vero?

GRANDE VARIETÀ DI SCELTA

Usare le capsule significa poter scegliere la tua miscela preferita e non accontentarsi di quella generica che usi da anni. La caratteristica vincente delle capsule, oltre alla praticità, è la grande varietà di scelta fra migliaia di diversi tipi di caffè. Alcune prodotte anche in edizione speciale con caffè limitati nel mondo. Se sei rimasto alle vecchie cialde, con le capsule ti si apre un mondo!

OGNI GIORNO UNA QUALITÀ DIFFERENTE

Con il classico caffè in polvere non è possibile degustare sapori diversi, significherebbe dover aprire troppe confezioni che perderebbero subito aroma e qualità. Con le capsule possiamo variare sempre qualità, caffè dopo caffè, grazie alla possibilità di scelta fra innumerevoli combinazioni.

pods-contro-caffè

LE DIFFERENZE FRA LE CAPSULE E IL CAFFÈ

  • Le capsule contengono caffè appena tostato e sono sigillate ermeticamente. A differenza del caffè in polvere che abbiamo aperto la settimana scorsa, non perdono aroma e freschezza. Essendo sigillate non temono umidità e non vengono contaminate in alcun modo.
  • Il caffè in polvere, dopo la fase di tostatura, subisce un procedimento con sostanze chimiche e conservanti, che gli permette di durare più a lungo una volta aperto. Le capsule non hanno bisogno di questo procedimento perché sigillate ermeticamente.
  • Il caffè preparato nella moka non riesce ad estrarre i principi olfattivi e nutrienti. Le macchine a capsule di caffè utilizzano un sistema a pressione come quello del bar, il caffè è più ricco con tutto il suo bouquet di aromi.
  • Il caffè in capsule si prepara in molto meno tempo e la temperatura dell’acqua è perfetta per berlo subito. Il caffè tradizionale subisce molti più passaggi e la sua temperatura è troppo elevata, il caffè così ottenuto è tecnicamente bruciato.
  • Il caffè in capsule è più equo solidale del caffè in polvere.
  • Il caffè in capsule è migliore rispetto alla moka, inoltre, la varietà di miscele fra le quali scegliere non può essere paragonata
cialde-colorate

COME CONSERVARE LE CAPSULE

  • Le capsule in alluminio non hanno problemi di ossidazione a contatto con l’ossigeno. Sono auto protette e possono essere lasciate a contatto con l’aria, perché non si deteriorano. Possono essere conservate tranquillamente in porta capsule ornamentali.
  • Le capsule compatibili di marca realizzate in plastica o materiali organici, possono essere conservate in pratici contenitori pronte all’uso, o nelle loro scatoline di vendita. Essendo auto protette, cioè sigillate, non hanno problemi a contatto con l’aria.
  • Le capsule compatibili non di marca, realizzate in plastica o alluminio, possono non essere protette all’interno. Questo signfica che devono essere conservate in un luogo asciutto e fuori dalla luce. Le capsule, come il caffè, non vanno mai conservate nel frigorifero. Se ne vuoi sapere di più leggi “Come conservare il caffè“.
  • Le capsule possono essere riciclate comodamente a casa nostra, separando il caffè esaurito dall’involucro, che sia in plastica o alluminio. Dato che l’operazione richiede diverso tempo, e deve essere eseguita per ogni capsula usata, questa metodo non viene quasi mai eseguito.
    In alternativa esistono delle vere e proprie aree ecologiche di smaltimento dove portare le capsule in alluminio usate. Questo sistema di riciclaggio è stato realizzato da Nespresso, e si trova in ogni punto vendita.
capsule-e-caffè

SEGUIMI SUI SOCIAL

noi single in cucina youtube

Spuma di caffè

spuma-di-caffè
spuma-di-caffè

Super leggera perché non contiene panna!

La spuma di caffè è una bevanda da bere tutto l’anno, perfetta in estate da gustare ghiacciata. La sua preparazione è davvero facile e chiunque la può realizzare. Piace a tutti perché è leggera e non contiene panna.

DIFFICOLTÀ: facile
PREPARAZIONE: 5 min
COSTO: basso

INGREDIENTI

2 bicchieri di ghiaccio,
1/2 bicchiere di caffè freddo
zuccherato.

SPUMA DI CAFFÈ

PROCEDIMENTO
La spuma di caffè è una preparazione veloce e semplice, molto leggera perché non contiene panna! Per questa preparazione abbiamo bisogno di un frullatore ad immersione e dell’accessorio tritatutto. In alternativa usiamo un mini robot da cucina. Nel bicchiere trasparente con la lama sul fondo mettiamo il ghiaccio senza superare la metà del contenitore, perché durante la lavorazione raddoppierà il suo volume. Se i cubetti di ghiaccio sono troppo grossi, dobbiamo romperli in più pezzi per aiutare il lavoro del frullatore ad immersione. Ora chiudiamo il vaso tritatutto col suo coperchio e agganciamo il motore nella parte superiore. Procediamo a frullare con piccoli impulsi, per smuovere il ghiaccio e per cercare di non fare incastrare le lame con i cubetti.

Poi continuiamo a frullare in maniera continua fino a quando il ghiaccio non risulti tritato perfettamente. Apriamo il coperchio e aggiungiamo mezzo bicchiere di caffè freddo già zuccherato -anche a temperatura ambiente va bene-, chiudiamo e continuiamo a frullare finché non vediamo il ghiaccio montare ed aumentare il suo volume. In questa fase, se possediamo il frullatore ad immersione con la regolazione di velocità, aumentiamo la potenza per far montare bene la spuma al caffè. Quando sarà spumoso e ben montato, possiamo fermarci. Mi piace servire la spuma di caffè in una coppa Martini, rende ancora più esclusiva questa semplice preparazione! Un qualsiasi altro bicchiere o coppa, andrà bene ugualmente. Per i più golosi, aggiungiamo un ciuffo di panna montata.

SUGGERIMENTO

Per rompere il ghiaccio possiamo usare un sacchetto per il gelo poi, con un martello per la carne o un mattarello, colpiamo la busta per ridurre le dimensioni del ghiaccio. Non tritiamolo troppo altrimenti la spuma di caffè non monterà nella fase successiva.

SEGUIMI SUI SOCIAL

noi single in cucina youtube

Tiramisù: il classico di sempre

tiramisu
tiramisu

Il tiramisù è conosciuto in tutto il mondo. Ma noi lo facciamo meglio

Il tiramisù è un dessert al cucchiaio fatto con biscotti savoiardi bagnati nel caffè e ricoperti da una delicata crema a base di mascarpone e uova. Tipico delle regioni del nord, è diffuso in tutta Italia e non solo.

DIFFICOLTÀ: media
PREPARAZIONE: 25 min
COSTO: basso

INGREDIENTI

1 uovo
1 tazzina di caffè zuccherato
3 cucchiai di zucchero
2 cucchiai di mascarpone
2 savoiardi
cacao amaro in polvere

TIRAMISÙ

PROCEDIMENTO
Un buon tiramisù inizia da un buon caffè! Quindi ne prepariamo uno non troppo forte oppure uno lungo, se usiamo un sistema espresso a capsule (te ne segnalo qualcuno sotto). Lo zuccheriamo e lo lasciamo riposare qualche istante. Mentre il caffè si raffredda possiamo preparare la crema. Per questa preparazione ti consiglio di usare un mixer ad immersione (te ne segnalo qualcuno sotto). Rompiamo l’uovo dividendolo in due recipienti, l’albume in uno e il tuorlo nell’altro. Montiamo a neve l’albume con un pizzico di sale e, non appena sarà spumoso, aggiungiamo un cucchiaino di zucchero.
 
Montiamo il tuorlo con lo zucchero e, quando sarà soffice, iniziamo ad aggiungere il mascarpone un cucchiaio per volta avendo cura di montarlo bene senza lasciare grumi. Terminata questa fase possiamo aggiungere l’albume montato a neve al tuorlo. Lo facciamo delicatamente (per non smontarlo) e un cucchiaio per volta, lavorando sempre dal basso verso l’alto in modo che inglobi aria e diventi soffice e spumoso.
A questo punto possiamo iniziare a comporre il nostro tiramisù! In una coppetta da dessert mettiamo sul fondo qualche cucchiaio di crema, poi adagiamo i biscotti sopra. Con un cucchiaino bagniamo i biscotti di caffè, in questo modo rimarranno più croccanti, poi li ricopriamo con un altro strato di crema. Guarda la video ricetta.
 
Mettiamo ancora dei biscotti e ripetiamo i passaggi fino ad esaurire la crema. Come tocco finale una spolverata di cacao! Lasciamo riposare in frigo almeno un ora prima di servire il nostro tirmisù.