Pollo alla palermitana

pollo alla palermitana
pollo alla palermitana

Morbida cotoletta cotta in forno

Il pollo alla palermitana è un secondo piatto leggero e saporito perché non fritto come la classica cotoletta. La sua cottura in forno lo rende morbido e gustoso per qualsiasi occasione.

DIFFICOLTÀ: facile
PREPARAZIONE: 10 min
COTTURA: 15 min
COSTO: basso
icona air fryer

RICETTA ADATTA ALLA COTTURA NELLA FRIGGITRICE AD ARIA

INGREDIENTI

2 petti di pollo (circa 200 gr)
3 cucchiai di pangrattato
1 cucchiaio di prezzemolo
1 cucchiaio di parmigiano
olio evo q.b.
sale q.b.

POLLO ALLA PALERMITANA

PROCEDIMENTO
Il pollo alla palermitana è l’alternativa gustosa e leggera, alla più classica cotoletta alla milanese. Per questa ricetta possiamo usare anche una friggitrice ad aria, oppure il classico forno. Prima di iniziare accendiamo il forno statico e lo portiamo a una temperatura di circa 180 gradi. Puliamo i petti di pollo da eventuali tracce di grasso e procediamo ad ammorbidire la carne aiutandoci con un batticarne. Qualche colpo su entrambi i lati e saranno pronti per la nostra preparazione. In un piatto piano mettiamo il pangrattato, il prezzemolo, il sale e del parmigiano. Con le dita procediamo ad amalgamare tutti gli ingredienti che formeranno la gustosa panatura. Ora prendiamo i petti di pollo e li ungiamo con dell’olio evo su entrambi i lati. Con le mani massaggiamo la carne facendo aderire bene l’olio in ogni parte.

A questo punto adagiamo i petti di pollo nella panatura che abbiamo preparato e, con le mani, applichiamo una leggera pressione affinché la panatura formi una morbida crosta. Ripetiamo questa operazione un paio di volte su entrambi i lati. Prepariamo una teglia da forno con della carta per cottura e adagiamo dolcemente i petti di pollo. A piacere possiamo spruzzare sopra del succo di limone per insaporirli. Inforniamo a 180° per circa 15 minuti, rigirandoli a metà cottura. Serviam ben caldi i nostri petti di pollo alla palermitana. Guarda il video della ricetta qui sotto.

icona air fryer

Prerisclada la friggitrice ad aria a 200° per 4 minuti. Disponi le cotolette nel cestello di cottura, usa uno spruzzino per l’olio e spruzza 3/4 dosi. Cuoci a 180° per 10 minuti rigirandole a metà cottura.

SUGGERIMENTO

Dalla ricetta tradizionale del pollo alla palermitana sono nate molte altre interpretazioni. In particolare sulla panataura. Se vogliamo farla più gustosa possiamo aggiungere qualche cucchiaio di pecorino grattugiato.

I MIGLIORI

SEGUIMI SUI SOCIAL

noi single in cucina youtube

Spezzatino di vitella al rosmarino

spezzatino-di-vitella-al-rosmarino
spezzatino-di-vitella-al-rosmarino

Spezzatino di vitella: Morbidi bocconcini di carne in una delicata salsa

Lo spezzatino di vitella al rosmarino è un secondo piatto ricco e sostanzioso. Morbidi bocconcini di vitella in una deliziosa salsa ottenuta con la farina e il vino bianco.

DIFFICOLTÀ: media
PREPARAZIONE: 10 min
COTTURA: 50 min
COSTO: medio

INGREDIENTI

300 gr di bocconcini di vitella
soffritto pronto surgelato
1/2 bicchiere di vino bianco
1/2 bicchiere di acqua
2 cucchiai di farina
1 dado per brodo
rosmarino
olio extra vergine d’oliva
sale e pepe q.b.

SPEZZATINO DI VITELLA AL ROSMARINO

PROCEDIMENTO
Lo spezzatino di vitella al rosmarino è una ricetta semplice, richiede solo molta attenzione alla cottura lunga. Disponiamo su un tagliere i bocconcini di vitella e con un coltello procediamo a pulire dal grasso in eccesso. Tagliamo in più pezzi quelli che ci sembrano troppo grandi. Ora mettiamo della farina in un piatto e passiamoci dentro i bocconcini di vitella in modo da foderarli perfettamente. Scaldiamo una padella antiaderente con dell’olio evo. Non appena sarà caldo iniziamo a immergere i bocconcini di carne che abbiamo appena infarinato. Li lasciamo andare per qualche minuto rigirandoli spesso in modo che possano formare una delicata crosticina. Aggiustiamo di sale e pepe e mettiamo il rosmarino tagliato al coltello (possiamo usare anche quello secco). A questo punto possiamo unire il soffritto surgelato per fare prima, oppure lo prepariamo fresco con sedano, carota e cipolla, magari tagliato con il robot da cucina.

Lasciamo andare per qualche minuto fino a quando vediamo che si asciuga, quindi mettiamo 1/2 bicchiere di vino bianco e lasciamo sfumare per insaporire la carne. Appena sarà evaporato il vino, aggiungiamo il brodo per iniziare la cottura in umido. Giriamo tutti gli ingredienti e copriamo con un coperchio lasciando cuocere a fuoco dolce per circa 30 minuti. Trascorso il tempo controlliamo la cottura, rigiriamo la carne e, se necessario, aggiungiamo ancora del brodo proseguendo la cottura per altri 15 minuti. Il risultato deve essere morbido e cremoso. Trascorso il tempo, lasciamo riposare lo spezzatino di vitella al rosmarino per qualche minuto. Guarda il video della ricetta qui sotto.

SUGGERIMENTO

Per ottenere un brodo istantaneo possiamo usare il dado in polvere da spargere con il suo misurino, per questa ricetta ne basta uno scarso. Oppure usiamo il classico dado che tagliuzzeremo sbriciolandolo sulla carne per fare in modo che si possa sciogliere subito con l’acqua.

SEGUIMI SUI SOCIAL

noi single in cucina youtube

Pesto ai peperoni: pronto in pochi minuti

pesto-ai-peperoni
pesto-ai-peperoni

Pesto ai peperoni, non solo per condire la pasta

Perfetto per condire la pasta, oltre che per bruschette e formaggi. Mi piace servirlo sulla pasta con una grattugiata di ricotta salata! Preparalo in soli 5 minuti.

DIFFICOLTÀ: facile
PREPARAZIONE: 10 min
COSTO: basso

INGREDIENTI

200 g di peperoni sottolio
100 g di mandorle
100 g di parmigiano
basilico fresco
1/2 spicchio di aglio
olio evo
sale

PESTO AI PEPERONI

PROCEDIMENTO

Il pesto ai peperoni è un ottima salsa che può essere impiegata in diversi modi, non solo per condire la pasta. Se amate la cucina tradizionale, e avete tempo per farla, iniziate a cuocere i peperoni al forno, a spellarli e a tagliarli a pezzi. Io, preferisco usare i peperoni sottolio che compro al supermercato, in alternativa quelli fatti in casa da zia Paola! Per questa preparazione ci aiutiamo con un mixer ad immersione, oppure con un mini robot da cucina.

Scoliamo dall’olio di conservazione i peperoni, poi li tagliamo grossolanamente per metterli nel bicchiere cutter del frullatore ad immersione. Uniamo 1/2 spicchio di aglio (lo possiamo anche omettere si ci disturba), le mandorle e il basilico. Chiudiamo e procediamo a frullare a piccoli impulsi, quindi non in maniera continuativa, per non stressare il basilico. Apriamo il cutter e uniamo il parmigiano grattugiato, una presa di sale e l’olio evo. Frulliamo ancora a impulsi ma per più tempo.

In questo modo otteremo un pesto ai peperoni con una consistenza granulosa, se invece frulliamo in maniera continua, otteremo una salsa omogenea. In base all’utilizzo che ne vogliamo fare possiamo decidere il tipo di consistenza. L’importante è non scaldare troppo il pesto durante la lavorazione perché il basilico tende a diventare amaro. Terminata la preparazione possiamo mettere la salsa in frigorifero fino al momento dell’utilizzo. La possiamo conservare per diversi giorni, oppure congelare in piccole porzioni da usare quando vogliamo.

SUGGERIMENTO

La ricetta del pesto ai peperoni può essere variata anche con altri ingredienti, possiamo aggiungere della ricotta fresca per renderlo più delicato.

SEGUIMI SUI SOCIAL

noi single in cucina youtube

Crema pecorino e olive

crema pecorino e olive
crema pecorino e olive

Questa crema è perfetta sul pane carasau con un filo di olio evo

La crema pecorino e olive è ottima spalmata sui crostini e perfetta per condire un buon piatto di pasta. La sua preparazione è davvero semplice, leggi la ricetta!

DIFFICOLTÀ: facile
PREPARAZIONE: 10 min
COSTO: basso

INGREDIENTI

80 g di pecorino grattugiato
60 g di olive verdi denocciolate
100 g di ricotta o philadelphia
timo fresco q.b.

CREMA PECORINO E OLIVE

PROCEDIMENTO

Per la preparazione della crema pecorino e olive abbiamo bisogno di un frullatore ad immersione e dell’accessorio cutter. In alternativa possiamo usare anche un mini robot da cucina. Nel vaso cutter con le lame posizionate sul fondo, inseriamo le olive denocciolate e ben scolate dal loro liquido di conservazione (salamoia). Per questa ricetta preferisco il sapore meno presente della ricotta, piuttosto che usare il formaggio spalmabile più saporito e meno morbido. Provatela in entrambe le combinazioni. Ora aggiungiamo la ricotta, il pecorino grattugiato e del timo fresco, tanto timo per profumare la nostra crema. Non ci rimane altro che chiudere il vaso cutter col suo coperchio, inserire il corpo motore e procedere a frullare: facile vero?!

 
In questa ricetta le olive ed il pecorino sono molto saporiti, non aggiungiamo sale alla crema perché sarà già sapida di suo. Negli ingredienti segnati ho messo la possibilità di usare, a scelta, la ricotta o il formaggio spalmabile. Procediamo a frullare in maniera diversa, in base all’ingrediente scelto. Se usiamo la ricotta, è bene frullare poco per ottenere una consistenza granulosa e non stressare la ricotta stessa. Quindi, prima le olive con il pecorino e poi aggiungiamo la ricotta con il timo. Se usiamo il formaggio spalmabile, frulliamo tutti gli ingredienti insieme per ottenere una consistenza cremosa.

SUGGERIMENTO

Questa preparazione si presta per molte ricette. Io la uso spesso per condire la pasta quando ho voglia di qualcosa di diverso dai soliti sughi. Mi piace aggiungere altre olive dopo averla condita.

SEGUIMI SUI SOCIAL

noi single in cucina youtube

Pesto greco: l’alternativa perfetta

pesto greco
pesto greco

La feta protagonista in un intenso equilibrio di sapori

Il pesto greco è l’alternativa al solito, buono, pesto alla genovese. Questa ricetta si prepara in 5 minuti: provala anche tu.

DIFFICOLTÀ: facile
PREPARAZIONE: 10 min
COSTO: basso

INGREDIENTI

70 g olive nere
50 g di feta
foglie di menta
1 spicchio di aglio
succo di limone
olio evo

PESTO GRECO

PROCEDIMENTO

Per la preparazione del pesto greco abbiamo bisogno di un frullatore ad immersione e dell’accessorio cutter. In alternativa è perfetto anche un mini robot da cucina. Nel bicchiere con le lame inseriamo le olive nere denocciolate, uno spicchio di aglio e qualche foglia di menta. Non abbiamo paura ad usare la menta in queste preparazioni perché è una chiave vincente! Ora tagliamo a cubetti della feta e la uniamo agli altri ingredienti, possiamo anche spezzettarla con le mani se vogliamo. Aggiungiamo l’olio evo ed un goccio di succo di limone, chiudiamo il cutter e procediamo a frullare a impulsi per ottenere una consistenza granulosa. Personalmente amo il pesto poco frullato, trovo piacevole la sensazione di riconoscere gli ingredienti al palato, al contrario di una salsa troppo liscia e lavorata.

Se vediamo che il composto risulta troppo asciutto, non dobbiamo fare altro che aggiungere ancora dell’olio evo o un goccio di succo di limone. Usiamo il pesto greco come condimento per un pasta fredda, magari aggiungendo qualche pomodorino e oliva nera. Questa salsa è perfetta anche da spalmare su dei crostini di pane, magari per un apertivo fra amici. In questo caso, dopo averlo preparato, lo lasciamo riposare almeno un’ora in frigorifero. In questo modo si compatterà maggiormente e risulterà migliore da spalmare.

POTREBBE INTERESSARTI

Questo condimento è ideale per la preparazione di una buona pasta fredda. Sai come preparare la pasta fredda senza fare errori? Ho scritto questa guida “Pasta fredda: come prepararla“ per aiutarti: la puoi leggere qui.

SUGGERIMENTO

Usiamo il pesto greco per condire una buona pasta fredda. Scegliamo delle mezze maniche e condiamo con olive nere, pomodorini, cipolla rossa tagliata sottile e foglie di basilico. Un generoso filo di olio evo per condire insieme al pesto.

SEGUIMI SUI SOCIAL

noi single in cucina youtube

Tapenade: più di un patè di olive

tapenade
tapenade

Non è un paté di olive, come molti credono, ed’è molto famosa in Provenza dove è nata.

La tapenade è una salsa a base di olive, capperi, acciughe, aglio e olio evo. Spesso usata come antipasto, è ottima anche per condire un piatto di pasta. Il suo sapore è decisamente superiore di qualsiasi patè di olive.

DIFFICOLTÀ: facile
PREPARAZIONE: 10 min
COSTO: basso

INGREDIENTI

70 g di olive nere denocciolate
70 g di olive verdi denocciolate
30 g di capperi dissalati
4 filetti di acciughe sottolio
olio evo
1/2 spicchio di aglio (facoltativo)
succo di limone (facoltativo)

TAPENADE

PROCEDIMENTO

Per questa preparazione possiamo usare un frullatore ad immersione o un mini robot da cucina. È molto importante avere degli ingredienti di qualità, come le olive e l’olio evo, per una buona riuscita di questa salsa. Iniziamo la preparazione della tapenade mettendo le olive nel vaso tritatutto di un frullatore ad immersione. Ora aggiungiamo l’olio evo fino a coprire la lama più bassa del cutter, poi i capperi e le acciughe. Io uso quelle sott’olio, se usiamo quelle sotto sale è molto importante lavarle bene per eliminare il sale in eccesso. Stessa cosa anche per i capperi sotto sale, altrimenti verrebbe molto salata. Nella ricetta originale andrebbe messo lo spicchio di aglio, preferisco invece aggiungere del succo di limone per rendere la tapenade più stuzzicante! Guarda il video della riceta qui sotto.

A questo punto possiamo chiudere il vaso tritatutto col suo coperchio e frullare per alcuni istanti, volendo anche con dei piccoli impulsi. Sulla consistenza voglio spendere qualche parola in più, si tratta di una salsa e non di una mousse, evitiamo di frullare troppo la tapenade! Meglio ottenere una consistenza granulosa più piacevole al nostro palato, quindi frulliamola di meno. Mettiamo la tapenade a riposare in frigorifero per qualche minuto.
 Intanto possiamo preparare del pane tostato da dividere a piccoli porzioni, sulle quali spalmare la nostra tapenade!

SUGGERIMENTO

Per un aspetto più rustico di questa salsa, possiamo tritare al coltello tutti gli ingredienti. Li sminuzziamo finemente, volendo anche con una mezza luna,  e poi li mettiamo in una coppetta. Aggiungiamo olio e limone e lasciamo macerare la tapenade in frigorifero per almeno 2 ore.

SEGUIMI SUI SOCIAL

noi single in cucina youtube

Pesto al basilico

pesto-alla-genovese
pesto-alla-genovese

dal mortaio ai frullatori ad immersione, Ecco come preparare il pesto al basilico

Tipico condimento della Liguria, il pesto al basilico è una salsa a base di basilico che viene pestato nel mortaio di pietra insieme ai pinoli e all’aglio. La preparazione a freddo del pesto al basilico, lascia intatto il profumo e l’aroma di questa pianta, molto amata in Italia. Perfetto da usare sulla pasta, negli aperitivi e in molte altre preparazioni.

DIFFICOLTÀ: facile
PREPARAZIONE: 15 min
COSTO: medio

INGREDIENTI

1 ciuffo di basilico fresco
1/2 spicchio di aglio
50 gr di pinoli
50 gr di pecorino
25 gr di parmigiano
olio extra vergine d’oliva

PESTO AL BASILICO

PROCEDIMENTO

Il pesto al basilico si può preparare seguendo il metodo tradizionale con mortaio e pestello. Io preferisco usare un frullatore ad immersione, ma anche un mini robot va benissimo. Laviamo il basilico sotto un getto gentile di acqua fredda, senza strofinarlo fra le dita. Lo adagiamo su alcuni fogli di carta assorbente e lo lasciamo riposare affinché possa scolare naturalmente l’acqua. Evitiamo di stressarlo per lasciare intatto il suo profumo. In un frullatore mettiamo i pinoli, l’olio evo, l’aglio e un pizzico di sale. Poi il pecorino romano e il parmigiano. Tamponiamo delicatamente le foglie di basilico e le mettiamo insieme agli atri ingredienti nel frullatore.

Procediamo a frullare a piccoli impulsi per evitare di scaldare troppo le foglie di basilico che, con il calore, cambiano profumo e aroma. Se vediamo che il pesto risultasse troppo denso, possiamo aggiungere ancora dell’elio evo. Se invece risultasse troppo liquido, per il troppo olio evo, possiamo aggiungere ancora del pecorino o parmigiano. Per ottenere una buona salsa, consiglio di tenere in freezer gli ingredienti principali per almeno un ora, in questo modo il suo colore sarà bello verde. Guarda il video della ricetta qui sotto.

SUGGERIMENTO

Il pesto al basilico può essere congelato in mono porzioni in contenitori di stagnola o in stampi per ghiaccio. Copriamolo con un filo di olio evo per evitare che si ossidi a contatto con l’aria. Basterà scongelarlo qualche ora prima della preparazione della nostra pasta.

SEGUIMI SUI SOCIAL

noi single in cucina youtube

Pesto di zucchine: pronto in pochi minuti

pesto di zucchine
pesto di zucchine

È la variante del più famoso pesto genovese.

Il pesto di zucchine è perfetto per condire la pasta, oltre che per bruschette, carne e formaggi. Mi piace preparalo a crudo e servirlo sulla pasta con una grattugiata di ricotta salata! Preparalo in soli 5 minuti.

DIFFICOLTÀ: facile
PREPARAZIONE: 10 min
COSTO: basso

INGREDIENTI

2 zucchine romane
50 g parmigiano
30 g mandorle bianche
olio evo
basilico fresco
1/2 spicchio di aglio
sale

 

PESTO DI ZUCCHINE

PROCEDIMENTO

Personalmente amo preparare il pesto di zucchine a crudo con ingredienti freschi e ben scelti, procedendo in maniera alternativa alla classica preparazione. Se invece preferiamo seguire la ricetta classica, possiamo sbollentare le zucchine per 5 minuti. Per prima cosa lavo le zucchine e le privo delle estremità, poi le taglio in 4 parti e ancora a tocchetti. Nel vaso tritatutto di un frullatore ad immersione, metto le mandorle bianche già sgusciate, l’aglio, il parmigiano e procedo a frullare qualche istante. Poi inserisco le zucchine, le foglie di basilico ben lavate ed asciugate, ed infine l’olio evo.

Continuo a frullare ad intermittenza, agendo sul bottone del motore senza tenerlo premuto in maniera continua. In questo modo ottengo un composto granuloso senza stressare il basilico che, al troppo calore delle lame, si ossida e cambia sapore diventando amaro. Questa consistenza è perfetta per la pasta e la possiamo preparare nel tempo della sua cottura. Appena scolata e condita, vi consiglio una grattugiata di ricotta salata: un sapore che non dimenticherete facilmente! Per questa preparazione usiamo un frullatore ad immersione e l’accessorio vaso tritatutto. Quì puoi leggere come usare un frullatore ad immersione.

SUGGERIMENTO

Il pesto di zucchine è perfetto per condire crostini di pane, carne e formaggi dolci. Per questo utilizzo è meglio lasciarlo riposare almeno 30 minuti in frigorifero.

SEGUIMI SUI SOCIAL

noi single in cucina youtube

Sugo al pomodoro

sugo al pomodoro
sugo al pomodoro

Il sugo al pomodoro è la salsa più conosciuta al mondo

Adatta a condire qualsiasi piatto di pasta, e non solo, il sugo al pomodoro è una ricetta semplice e gustosa con pochi ingredienti. Pratica anche da congelare in piccole porzioni per averla sempre pronta!

DIFFICOLTÀ: facile
PREPARAZIONE: 5 min
COTTURA: 20 min
COSTO: basso

INGREDIENTI

700 ml di passata di pomodoro
soffritto pronto surgelato
burro q.b.
zucchero q.b.
sale e pepe q.b
olio extra vergine d’oliva

SUGO AL POMODORO

PROCEDIMENTO

Un buon sugo al pomodoro nasce da un soffritto perfetto e da una buona padella antiaderente. Lasciamo sciogliere a fiamma bassa del burro con un filo di olio evo in una padella. Appena passati pochi minuti, possiamo unire il trito di soffritto surgelato, io lo trovo davvero pratico, se abbiamo tempo (e voglia) lo possiamo anche preparare fresco (cipolla, carota e sedano). Lasciamo soffriggere dolcemente, sempre a fiamma bassa, per 5 minuti poi, delicatamente, versiamo la passata di pomodoro. Capiterà che l’ultima parte della salsa faticherà a scendere dalla bottiglia, ecco cosa fare: aggiungiamo un po di acqua e chiudiamo con il tappo, agitiamo la bottiglia per diluire la salsa rimasta e la facciamo scendere in padella.

Ora aggiungiamo del pepe e del sale, a nostro piacere, anche qualche cucchiaino di zucchero per spegnere il sapore acido tipico del pomodoro. Prima di avviare la cottura del sugo, assaggiamo per sentire se i sapori sono ben regolati fra loro, in caso aggiungiamo quello mancante. Copriamo la padella e lasciamo cuocere a fiamma bassa per circa 15 minuti. A fine cottura, a piacere, possiamo aggiungere un pezzetto di burro da far sciogliere a fuoco spento, renderà più cremoso il sugo al pomodoro. Guarda il video della ricetta qui sotto.

SUGGERIMENTO

Possiamo dividere il sugo in pratiche mono porzioni, usando le vaschette tonde di alluminio che troviamo in qualsiasi supermercato. Le riempiamo fino ad un dito dal bordo (o anche meno), poi le copriamo con della pellicola trasparente e le mettiamo nel congelatore. Ogni vaschetta sarà la giusta porzione di sugo al pomodoro per un ottimo piatto di pasta. Lo scaldiamo in padella nel tempo che l’acqua impiega a bollire, e lo possiamo profumare con qualche foglia di basilico fresco.

SEGUIMI SUI SOCIAL

noi single in cucina youtube

Salsa guacamole

salsa guacamole
salsa guacamole

È una salsa a freddo facile da preparare, leggi come.

La salsa guacamole è una salsa di origine messicana a base di avocado. Ottimo per un aperitivo con i tuoi amici, magari con l’aggiunta di nachos o crostini di pane.

DIFFICOLTÀ: facile
PREPARAZIONE: 10 min
COSTO: basso

INGREDIENTI

1 avocado maturo
1 cipollotto fresco
1 lime
2 olio evo
tabasco
sale

SALSA GUACAMOLE

PROCEDIMENTO

Per preparare la salsa guacamole iniziamo dall’avocado, lo tagliamo a metà e togliamo in nocciolo al suo interno. Con un cucchiaio scaviamo la polpa fino alla buccia e la mettiamo nel vaso di un frullatore ad immersione. Spremiamo un lime e uniamo il suo succo all’avocado insieme a qualche goccia di tabasco o, se preferiamo, del peperoncino verde fresco. Tagliamo grossolanamente il cipollotto fresco insieme anche al gambo verde (almeno la metà) e lo mettiamo nel vaso tritatutto, aggiungiamo dell’olio evo e del sale.

Chiudiamo il frullatore ad immersione e procediamo a frullare usando dei piccoli impulsi, non in maniera continua come facciamo per altre salse. In questo modo il composto rimarrà granuloso e poco tritato, come dovrebbe essere nella sua versione originale. L’avocado è un frutto molto burroso e non sarà necessario molto olio evo, dovrà rimanere grumoso e poco liscio al cucchiaio. Impiattiamo in una ciotola e lasciamo riposare in frigorifero per almeno 30 minuti. Serviamo la salsa guacamole con dei crostini di pane o con dei triangoli di nachos.

Per questa preparazione usiamo un frullatore ad immersione e l’accessorio vaso tritatutto. Quì puoi leggere come usare un frullatore ad immersione.

SUGGERIMENTO

Se vogliamo fare felici i nostri ospiti, possiamo aggiungere alla salsa guacamole del pomodoro tagliato al coltello in una ciotola. A molti piace unire il guacamole col pomodoro.

SEGUIMI SUI SOCIAL

noi single in cucina youtube