Cestini di spaghetti alle carote

cestini-di-spaghetti-alle-carote
cestini-di-spaghetti-alle-carote

Cestini di spaghetti alle carote: l'idea giusta

I cestini di spaghetti alle carote sono perfetti da preparare in anticipo e da scaldare al momento. L’aperitivo sarà ancora più vario rispetto alle solite portate.

CONSIGLIATI PER QUESTA RICETTA

DIFFICOLTÀ: facile
PREPARAZIONE: 5 min
COTTURA: 15 min
COSTO: basso
icona air fryer

RICETTA ADATTA ALLA COTTURA NELLA FRIGGITRICE AD ARIA

INGREDIENTI

80 g di spaghetti
1 carota
1 uovo
panna da cucina
parmigiano
pangrattato
olio evo
sale e pepe

CESTINI DI SPAGHETTI ALLE CAROTE

PROCEDIMENTO

I cestini di spaghetti alle carote sono l’idea giusta per molte occasioni. Sono facili da preparare e possiamo anche utilizzare della pasta avanzata dal pranzo. Per questa ricetta va bene anche usare un frullatore ad immersione per la preparazione della salsa di condimento. In alternativa bastano i soliti strumenti presenti in una cucina: boule di vetro e forchetta!

Puliamo le carote e le tagliamo a fettine non troppo spesse, poi le mettiamo nell’acqua di cottura della pasta. Non appena bolle versiamo gli spaghetti e proseguiamo fino alla cottura al dente. In una boule di vetro sbattiamo l’uovo con una presa di sale e pepe, poi aggiungiamo 1 cucchiaio di parmigiano, qualche cucchiaio di panna da cucina e un mestolino di acqua di cottura. Nel frattempo riscaldiamo il forno statico a 180°.

Foderiamo uno stampo per muffin con olio, poi del pangrattato in maniera uniforme, in questo modo sarà più facile estrarli. Appena scolata la pasta la mettiamo nella pentola e la condiamo con la crema che abbiamo preparato in precedenza, aggiungiamo un pizzico di pangrattato. Con una pinza per spaghetti formiamo dei piccoli cestini che andiamo a mettere negli stampi da muffin.

Appena li abbiamo riempiti tutti aggiungiamo del parmigiano per ottenere una dorata crosticina. Inforniamo i cestini di spaghetti alle carote per 5/7 minuti, il tempo necessario a farli gratinare. Lasciamoli raffreddare prima di servirli.

icona air fryer

Prerisclada la friggitrice ad aria a 200° per 4 minuti. Suddividi gli spaghetti nei pirottini di alluminio precedentemente foderati con il pangrattato. Disponi gli stampini nel cestello di cottura, usa uno spruzzino per l’olio e spruzza 2 dosi. Cuoci a 180° per 6 minuti. Se li preferisci con una crosticina più croccante, aggiungi 2 minuti a 200°.

SUGGERIMENTO

Questa ricetta la possiamo realizzare anche con delle zucchine al posto delle carote.

SEGUIMI SUI SOCIAL

noi single in cucina youtube

Frittata di spaghetti: come riciclare

frittata-di-spaghetti
frittata-di-spaghetti

In cucina non si butta via niente: ricicliamo gli avanzi

La saggezza popolare, le guerre e le nonne ci hanno insegnato che in cucina non si butta via niente! Un avanzo di spaghetti viene riusato per una frittata di spaghetti davvero buona, proviamola!

DIFFICOLTÀ: facile
PREPARAZIONE: 5 min
COTTURA: 20 min
COSTO: basso

INGREDIENTI

100 gr di spaghetti al pomodoro
1 uovo
1 cucchiaio di parmigiano
olio evo

FRITTATA DI SPAGHETTI

PROCEDIMENTO
La frittata di spaghetti è un’altro di quei piatti della cucina povera, che tanto piace. La ricetta è nata per riciclare gli spaghetti al pomodoro avanzati il giorno prima. Quindi, se non ci sono avanzi in cucina, prepariamo un classico piatto di spaghetti al pomodoro e lo lasciamo raffreddare. Intanto scaldiamo una padella antiaderente a fuoco molto basso. In un recipiente rompiamo un uovo e lo sbattiamo energicamente con una forchetta. Aggiungiamo un cucchiaio di parmigiano e mescoliamo per non far formare dei grumi. Ora versiamo il composto sugli spaghetti avanzati e con l’aiuto di due forchette, amalgamiamo l’uovo e il parmigiano agli spaghetti. Facciamolo per qualche minuto affinché si impregnino bene. Guarda il video della ricetta qui sotto.
 
Scaldiamo dell’olio evo in una padella antiadernte  e versiamo gli spaghetti. Li compattiamo bene dandogli la forma della padella che non deve essere troppo larga, in questo modo la frittata sarà più alta e composta. Lasciamo cuocere a fiamma alta per 10-15 minuti in modo da formare una bella crosticina. Ci aiutiamo con un coperchio per girare la frittata dall’altro lato. Continuiamo la cottura per altri 10 minuti. Lasciamola riposare prima di servirla. Per i più golosi possiamo aggiungere dei piccoli pezzetti di formaggio, tipo scamorza, che si scioglieranno durante la cottura. La frittata di spaghetti è ottima anche tiepida.

SEGUIMI SUI SOCIAL

noi single in cucina youtube

Spaghetti aglio, olio e peperoncino, rivisitati

spaghetti-aglio-olio-e-peperoncino-rivisitati
spaghetti-aglio-olio-e-peperoncino-rivisitati

Uno dei primi piatti più facili da preparare

Gli spaghetti aglio olio e peperoncino rivisitati, sono veloci da preparare e, con qualche piccolo accorgimento, possono diventare un primo piatto gourmet. Sono uno dei primi piatti italiani più semplici da preparare, indicato per le prime esperienza in cucina.

DIFFICOLTÀ: facile
PREPARAZIONE: 10 min
COTTURA: 15 min
COSTO: basso

INGREDIENTI

100 g di spaghetti
pane raffermo
1/2 spicchio di aglio
peperoncino q.b.
prezzemolo q.b.
olio evo

SPAGHETTI AGLIO OLIO E PEPERONCINO RIVISITATI

PROCEDIMENTO

Gli spaghetti aglio olio e peperoncino sono rivisitati sempre nella tradizione povera italiana. Il pangrattato era il parmigiano dei poveri, si usava metterlo al suo posto. Iniziamo la preparazione proprio dal pangrattato e usiamo un frullatore ad immersione per questo. Rompiamo una fetta di pane raffermo nel bicchiere del frullatore ad immersione. Lo frulliamo per qualche istante senza farlo diventare pangrattato! Ci serve una consistenza grezza. Scaldiamo una padella antiaderente sul fuoco con dell’olio extra vergine d’oliva. Appena caldo, versiamo le briciole di pane e le lasciamo cuocere a fiamma vivace rigirandole spesso per non farle bruciare. Appena tostato, leviamo il pane e lo mettiamo da parte. Puliamo la padella con un pezzo di carta assorbente e la rimettiamo sul fuoco.

 
Versiamo dell’olio evo, mezzo spicchio di aglio tritato, mezzo cucchiaino di peperoncino fresco e dell’abbondante prezzemolo. Lasciamo cuocere a fiamma gentile per non far bruciare l’olio. Nel frattempo, con delle pinze da cucina o un forchettone, scoliamo gli spaghetti molto al dente direttamente nella padella col condimento. Usiamo qualche mestolo di acqua della pasta per terminare la cottura degli spaghetti in padella. Grazie all’amido presente si formerà una deliziosa cremina con tutti gli ingredienti. Mantechiamo per alcuni minuti, versiamo la metà del pane tostato senza fare asciugare il condimento. Serviamo gli spaghetti aglio, olio e peperoncino con il rimanente pane come fosse parmigiano. Guarda il video della ricetta qui sotto.

SEGUIMI SUI SOCIAL

noi single in cucina youtube

Spaghetti cacio e pepe

spaghetti-cacio-e-pepe
spaghetti-cacio-e-pepe

Piatto povero della cucina laziale: vietato usare la panna

Gli spaghetti cacio e pepe nascono dalla tradizione degli allevatori di bestiame e dagli ottimi formaggi di pecora che si producono in tutto il Lazio. Il pecorino romano, formaggio DOP conosciuto in tutto il mondo, ne è l’eccellente protagonista.

DIFFICOLTÀ: facile
PREPARAZIONE: 5 min
COTTURA: 10 min
COSTO: basso

INGREDIENTI

100 g di spaghetti
40 g di pecorino romano
pepe q.b.

SPAGHETTI CACIO E PEPE

PROCEDIMENTO

Gli spaghetti cacio e pepe sono un piatto povero, riscoperto da diversi anni da molti ristoratori. La sua semplicità è imbarazzante, ma spesso la preparazione lascia alcuni dubbi. Vediamo come procedere. Mettiamo sul fuoco una pentola d’acqua e, appena raggiunge il bollore, aggiungiamo una presa di sale grosso. Quando arriva il momento, caliamo gli spaghetti e li seguiamo alcuni istanti per affondarli dolcemente.

In un recipiente di vetro maciniamo dell’abbondante pepe nero. Con un forchettone, scoliamo gli spaghetti al dente direttamente nel recipiente col pepe. Aggiungiamo mezzo mestolo di acqua di cottura e il pecorino romano grattugiato. Con un cucchiaio e una forchetta ci aiutiamo a mantecare gli spaghetti. Il caldo dell’acqua scioglierà il pecorino fondendolo col pepe e gli spaghetti, ottenendo così la famosa cremina cacio e pepe. Guarda il video della ricetta qui sotto.

Se dovesse risultare troppo liquida, aggiungiamo ancora del pecorino che assorbirà l’acqua in eccesso. Se dovesse essere troppo asciutta, aggiungiamo ancora dell’acqua di cottura. Questo tipo di pasta italiana non deve essere spadellata sul fuoco. È severamente vietato l’uso di crema di latte, panna da cucina o versioni alternative! Gli ingredienti sono solamente 3: spaghetti, pecorino romano e pepe nero. Impiattiamo gli spaghetti cacio e pepe e serviamo con una macinata di pepe fresco per aumentare il profumo del piatto. Io aggiungo ancora del pecorino!

LE MIGLIORI PENTOLE PER PASTA

SEGUIMI SUI SOCIAL

noi single in cucina youtube

Spaghetti alla puttanesca

spaghetti alla puttanesca
spaghetti alla puttanesca

Ingredienti semplici e freschi per una tradizione in perfetto stile italiano.

Gli spaghetti alla puttanesca hanno origini napoletane, con una serie di aneddoti divertenti alle spalle. Sono un primo piatto facile da preparare e decisamente saporito!

DIFFICOLTÀ: facile
PREPARAZIONE: 20 min
COTTURA: 20 min
COSTO: basso

INGREDIENTI

100 g di spaghetti
1 alice sott’olio
1 manciata di olive nere
1/2 spicchio d’aglio
1 cucchiaio di capperi
100 g di passata di pomodoro
prezzemolo
peperoncino
olio evo

SPAGHETTI ALLA PUTTANESCA

PROCEDIMENTO

Gli spaghetti alla puttanesca sono un primo piatto tipico della pasta italiana, adatto in molte situazioni. Il suo sapore particolare rende ogni forchettata un festa per i nostri sensi. L’uso di ingredienti freschi, come il sempice pomodoro, conferiscono a questa ricetta la non stagionalità. Guarda il video della ricetta qui sotto.

Iniziamo la nostra preparazione scaldando -a fuoco medio- una padella antiaderente con dell’olio evo e mezzo spicchio d’aglio. Aggiungiamo l’alice per farla fondere nell’olio, ci aiutiamo con una spatola. Nel frattempo, tritiamo grossolanamente un cucchiaio di capperi e tagliamo a rondelle una manciata di olive nere che versiamo in padella insieme a del peperoncino.

Lasciamo cuocere a fiamma bassa per alcuni minuti, poi uniamo la passata di pomodoro e una manciata di prezzemolo fresco. Proseguiamo la cottura a fiamma media per 10 minuti, o il tempo che la pasta raggiunga la cottura. Lessiamo gli spaghetti in acqua bollente leggermente salata. Ricordiamoci che questo condimento è già sapido, facciamo attenzione a salare l’acqua di cottura. Scoliamo gli spaghetti direttamente nella padella con la salsa che abbiamo preparato.

Mantechiamo qualche istante aggiungendo dell’acqua di cottura se fosse necessario. Se vediamo che la pasta risulta troppo asciutta, preferiamo l’acqua di cottura all’olio evo. Serviamo gli spaghetti alla puttanesca arrotolandoli in un mestolo, per conferire la classica forma a nido. Guarniamo il piatto con del prezzemolo tritato, un filo di olio evo e qualche avanzo di cappero e oliva.

LE MIGLIORI PENTOLE PER PASTA

SEGUIMI SUI SOCIAL

noi single in cucina youtube

Spaghetti in salsa di pomodori secchi

spaghetti-in-salsa-di-pomodori-secchi
spaghetti-in-salsa-di-pomodori-secchi

Sperimentare in cuina è sempre molto divertente

Gli spaghetti in salsa di pomodori secchi sono un primo piatto frutto di riciclaggio di ingredienti trovati nella dispensa. Il mondo delle salse non conosce confini e la pasta è un ottimo alleato in questo senso!

DIFFICOLTÀ: facile
PREPARAZIONE: 12 min
COTTURA: 15 min
COSTO: basso

INGREDIENTI

100 g di spaghetti
50 g di pomodori secchi
30 g di mandorle
30 g di parmigiano
basilico fresco
1 acciuga sott’olio
olio evo

SPAGHETTI IN SALSA DI POMODORI SECCHI

PROCEDIMENTO

Gli spaghetti in salsa di pomodori secchi sono un primo piatto perfetto quando hai la dispensa vuota o non vuoi andare a fare la spesa. Molte idee in cucina, nascono proprio dal riciclaggio di avanzi di barattoli o alimenti prossimi alla scadenza. Non a caso, il cibo povero è sempre di grande tendenza… e i ristoranti lo sanno bene.

Iniziamo la preparazione del condimento, mentre aspettiamo che l’acqua raggiunga il bollore per cuocere gli spaghetti. Sgoccioliamo i pomodori secchi dall’olio di conservazione e li tagliamo a pezzettini. Li mettiamo in un frullatore ad immersione insieme alle mandorle, l’acciuga, il basilico fresco ed un generoso filo di olio evo. Frulliamo a intermittenza, senza tenere premuto di continuo, per ottenere una salsa granulosa e non liscia come una vellutata. Ci fermiamo dopo qualche istante per unire il parmigiano e, se dovesse risultare troppo asciutta, aggiungiamo ancora dell’olio evo.

Frulliamo la salsa senza ridurla un omogeneizzato! Scaldiamo una padella antiaderente sul fuco con un filo di olio evo. Mettiamo qualche cucchiaio della salsa appena preparata e la stemperiamo con mezzo mestolo di acqua di cottura della pasta. Con un forchettone, scoliamo gli spaghetti molto al dente direttamente nella padella e proseguiamo la loro cottura aggiungendo acqua dalla pentola.

Qualche minuto per mantecare gli spaghetti con la salsa ai pomodori secchi, poi togliamo dal fuoco e serviamo gli spaghetti in salsa di pomodori secchi. Possiamo decorare il piatto con scaglie di mandorle o pezzettini di pomodoro sott’olio. A me piace aggiungere anche del pangrattato sopra, come se fosse parmigiano, provateci.

SEGUIMI SUI SOCIAL

noi single in cucina youtube