Spezzatino di vitella al rosmarino

spezzatino-di-vitella-al-rosmarino
spezzatino-di-vitella-al-rosmarino

Spezzatino di vitella: Morbidi bocconcini di carne in una delicata salsa

Lo spezzatino di vitella al rosmarino è un secondo piatto ricco e sostanzioso. Morbidi bocconcini di vitella in una deliziosa salsa ottenuta con la farina e il vino bianco.

DIFFICOLTÀ: media
PREPARAZIONE: 10 min
COTTURA: 50 min
COSTO: medio

INGREDIENTI

300 gr di bocconcini di vitella
soffritto pronto surgelato
1/2 bicchiere di vino bianco
1/2 bicchiere di acqua
2 cucchiai di farina
1 dado per brodo
rosmarino
olio extra vergine d’oliva
sale e pepe q.b.

SPEZZATINO DI VITELLA AL ROSMARINO

PROCEDIMENTO
Lo spezzatino di vitella al rosmarino è una ricetta semplice, richiede solo molta attenzione alla cottura lunga. Disponiamo su un tagliere i bocconcini di vitella e con un coltello procediamo a pulire dal grasso in eccesso. Tagliamo in più pezzi quelli che ci sembrano troppo grandi. Ora mettiamo della farina in un piatto e passiamoci dentro i bocconcini di vitella in modo da foderarli perfettamente. Scaldiamo una padella antiaderente con dell’olio evo. Non appena sarà caldo iniziamo a immergere i bocconcini di carne che abbiamo appena infarinato. Li lasciamo andare per qualche minuto rigirandoli spesso in modo che possano formare una delicata crosticina. Aggiustiamo di sale e pepe e mettiamo il rosmarino tagliato al coltello (possiamo usare anche quello secco). A questo punto possiamo unire il soffritto surgelato per fare prima, oppure lo prepariamo fresco con sedano, carota e cipolla, magari tagliato con il robot da cucina.

Lasciamo andare per qualche minuto fino a quando vediamo che si asciuga, quindi mettiamo 1/2 bicchiere di vino bianco e lasciamo sfumare per insaporire la carne. Appena sarà evaporato il vino, aggiungiamo il brodo per iniziare la cottura in umido. Giriamo tutti gli ingredienti e copriamo con un coperchio lasciando cuocere a fuoco dolce per circa 30 minuti. Trascorso il tempo controlliamo la cottura, rigiriamo la carne e, se necessario, aggiungiamo ancora del brodo proseguendo la cottura per altri 15 minuti. Il risultato deve essere morbido e cremoso. Trascorso il tempo, lasciamo riposare lo spezzatino di vitella al rosmarino per qualche minuto. Guarda il video della ricetta qui sotto.

SUGGERIMENTO

Per ottenere un brodo istantaneo possiamo usare il dado in polvere da spargere con il suo misurino, per questa ricetta ne basta uno scarso. Oppure usiamo il classico dado che tagliuzzeremo sbriciolandolo sulla carne per fare in modo che si possa sciogliere subito con l’acqua.

SEGUIMI SUI SOCIAL

noi single in cucina youtube

Orecchiette al ragù di carne

orecchiette-al-ragu-di-carne
orecchiette-al-ragu-di-carne

Le orecchiette sono la pasta perfetta per raccogliere il ragù

Le orecchiette al ragù di carne sono tipiche della Puglia, come quelle più famose con le cime di rapa. Essendo una pasta perfetta per raccogliere i diversi condimenti, la prepariamo con un veloce ragù di carne.

DIFFICOLTÀ: facile
PREPARAZIONE: 10 min
COTTURA: 30 min
COSTO: basso

INGREDIENTI

200 g di orecchiette
150 g di carne di manzo tritata
1/2 cipolla piccola
1/3 carota
olio evo
1/2 bicchiere di vino bianco
200 g di passata di pomodoro
sale e pepe

ORECCHIETTE AL RAGÙ DI CARNE

PROCEDIMENTO

La preparazione delle orecchiette al ragù di carne inizia dal soffritto, quindi tagliamo la cipolla finemente insieme alla carota. In un padella antiaderente mettiamo l’olio evo e poi la cipolla con la carota, lasciamo stufare dolcemente a fiamma bassa per alcuni minuti. Appena si saranno ammorbidite possiamo mettere la carne macinata sbriciolandola fra le mani, in modo da non fare un ammasso nella padella.

Mescoliamo con un cucchiaio di legno per spezzettarla ulteriormente, poi aggiungiamo del pepe e del sale. Lasciamo andare a fiamma vivace fino a quando la carne cambierà colore, poi sfumiamo con il vino. Ora possiamo aggiungere la passata di pomodoro o, se preferiamo, i pomodori a pezzettoni. Mescoliamo con cura fino a raggiungere il bollore, abbassiamo la fiamma e copriamo con un coperchio, lasciando cuocere per circa 25 minuti.

A fine cottura il nostro ragù dovrà risultare cremoso ma non troppo asciutto, in caso possiamo aggiungere un goccio di acqua. Nel frattempo mettiamo a bollire l’acqua per la cottura delle orecchiette, una delle eccellenza della pasta italiana. Saliamo e cuociamo le orecchiette per non più di 4 minuti se sono fresche, altrimenti seguiamo le indicazioni sulla confezione.

Scoliamo le orecchiette e condiamole con parte del ragù che abbiamo appena fatto, l’altra parte del condimento la possiamo congelare per un’altra ricetta, oppure tenere in frigo per non più di qualche giorno. Serviamo le orecchiette al ragù di carne con un filo di olio evo e del parmigiano grattugiato fresco.

SUGGERIMENTO

Le orecchiette sono un tipo di pasta adatto a raccogliere i condimenti sfiziosi. Se non abbiamo il tempo di preparare il ragù, usiamo quello che abbiamo congelato dall’ultima volta. In alternativa va bene anche un semplice sugo al pomodoro.

SEGUIMI SUI SOCIAL

noi single in cucina youtube

Arrosto alle prugne: l’alternativa della domenica

arrosto-alle-prugne
arrosto-alle-prugne

Gusto e colore per l'arrosto alternativo della domenica

L’arrosto alle prugne è l’idea giusta per cambiare il solito arrosto della domenica. Il suo gusto particolare è dato dall’uso delle prugne in cottura.

DIFFICOLTÀ: media
PREPARAZIONE: 10 min
COTTURA: 30 min
COSTO: medio

INGREDIENTI

400 gr di rollè di vitello
1/2 spicchio di aglio
1/2 bicchiere id vino bianco
1/2 l. di brodo
10 prugne denocciolate
olio extra vergine d’oliva
sale e pepe q.b.

ARROSTO ALLE PRUGNE

PROCEDIMENTO
L’ arrosto alle prugne è molto semplice da preparare e rappresenta davvero l’alternativa a quello più classico. Per iniziare la nostra ricetta scaldiamo a fuoco basso una casseruola antiaderente con dell’olio evo e con 1/2 spicchio di aglio. Appena caldo immergiamo il rollè di vitella facendolo rosolare bene, anche alle estremità, per fare in modo che la carne sia completamente sigillata e cotta esternamente. Questa fase deve durare diversi minuti. Subito dopo, versiamo 1/2 bicchiere di vino bianco e lasciamo evaporare, uniamo sale e pepe e metà del brodo, circa 250 ml. Ora uniamo le prugne denocciolate, le possiamo anche tagliare a pezzetti, le mettiamo tutte intorno all’arrosto. Lasciamo riprendere il bollore a fuoco dolce e copriamo con un coperchio.

A metà cottura rigiriamo la carne e versiamo il brodo rimasto. Per preparare la salsina prendiamo tutto il fondo di cottura dell’arrosto (prugne comprese) e lo frulliamo con un frullatore ad immersione. Terminata la cottura, lasciamo riposare l’arrosto prima di togliere la tipica retina per poi affettarlo. Tagliamo delle fette non troppo spesse, circa 1/2 cm, e le disponiamo nel piatto per poi ricoprirle con la salsa appena fatta. Le restanti fette le possiamo congelare in mono porzioni comprese di salsa, pronte per essere scongelate e scaldate in un altro momento. Guarda il video della ricetta qui sotto.

SUGGERIMENTO

La salsa di condimento è la parte fondamentale negli arrosti per evitare che siano troppo asciutti. A fine cottura, si raccoglie tutto il condimento della casseruola nel bicchiere di un frullatore ad immersione o in un classico mini robot da cucina, e si procede a frullare fino ad ottenere una cremina. Se dovesse risultare troppo asciutta possiamo aggiungere del brodo o dell’acqua tiepida. In caso fosse troppo liquida la mettiamo in un padellino sul fuoco con un cucchiaio di farina (meglio la maizena) e lasciamo rapprendere la salsa a fuoco bassissimo!

SEGUIMI SUI SOCIAL

noi single in cucina youtube

Risotto pomodori secchi e prezzemolo

risotto-pomodori-secchi-e-prezzemolo
risotto-pomodori-secchi-e-prezzemolo

Quando in cucina è un bene sperimentare

Il risotto pomodori secchi e prezzemoloè un piatto interessante e molto gustoso. Questa ricetta è nata per sbaglio, o meglio, dall’assenza di ingredienti freschi nel frigorifero, una personale sperimentazione che è andata a buon fine, almeno per me!

DIFFICOLTÀ: media
PREPARAZIONE: 10 min
COTTURA: 15 min
COSTO: basso

INGREDIENTI

100 g di riso vialone nano
40 g di pomodori sottolio
500 ml di brodo vegetale
1/2 bicchiere di vino bianco
1 peperoncino
cipolla
prezzemolo
parmigiano

RISOTTO POMODORI SECCHI E PREZZEMOLO

PROCEDIMENTO

Il risotto pomodori secchi e prezzemolo è una ricetta nata per sbaglio, una di quelle di cui te ne innamori e non ne puoi più fare a meno. Per iniziare la preparazione di questo risotto, tagliamo finemente la cipolla e la mettiamo a soffriggere in una padella antiaderente con poco olio evo. Aggiungiamo il peperoncino fresco tagliato a rondelle, se il suo gusto piccante non riscontra il nostro, possiamo anche non metterlo nella preparazione.

Non appena la cipolla sarà appassita, uniamo i pomodori sottolio ben sgocciolati e tagliati a pezzettini, li lasciamo andare qualche minuto a fiamma vivace. Ora aggiungiamo il riso e  procediamo alla fase di tostatura. Giriamo spesso il riso a fiamma bassa per sigillare i suoi chicchi, poi, sfumiamo con del vino bianco. Mantechiamo gli ingredienti prima di iniziare ad aggiungere il brodo vegetale, che possiamo preparare anche con un dado da brodo.

Controlliamo la cottura del riso senza farlo asciugare troppo unendo il brodo fino a coprirlo. Procediamo in questo modo fino al momento in cui il riso sarà al dente, ma non completamente asciutto. Spegniamo la fiamma e mantechiamo il risotto con un pezzetto di burro e del parmigiano. Impiattiamo il risotto pomodori secchi e prezzemolo con un ciuffetto di prezzemolo fresco e qualche pezzettino di pomodoro sottolio che ci siamo tenuti da parte.

SUGGERIMENTO

Per fare il brodo velocemente, possiamo sbriciolare un dado direttamente nel risotto pomodori secchi e prezzemolo, quindi aggiungere acqua calda man mano che procede la cottura. In questo modo evitiamo di allungare i tempi e di sporcare altre pentole.

SEGUIMI SUI SOCIAL

noi single in cucina youtube

Risotto alle mele

risotto-alle-mele
risotto-alle-mele

Un risotto insolito e ricco di gusto

Il risotto alle mele sposa il sapore dolce e acidulo, tipico delle mele, in un risotto particolare che non mancherà di sorprenderci. Questo primo piatto è tipico della tradizione del Trentino Alto Adige

DIFFICOLTÀ: media
PREPARAZIONE: 15 min
COTTURA: 20 min
COSTO: medio

INGREDIENTI

120 g di riso carnaroli
1 mela media
1 scalogno
30 g di burro
400 ml di brodo
2 cucchiai di parmigiano
vino bianco q.b.
olio evo
sale e pepe q.b.

RISOTTO ALLE MELE

PROCEDIMENTO

Il risotto alle mele è uno dei primi piatti tipico della fertile tradizione del Trentino Alto Adige. Molte sono le sue varianti, con aggiunta di aghi di rosmarino, oppure con dello speck croccante. Questa ricetta è la più semplice da preparare: iniziamo. In una casseruola antiaderente scaldiamo dell’olio evo e uniamo uno scalogno finemente tritato. Lasciamo cuocere a fiamma bassa per alcuni minuti in maniera dolce. Trascorso il tempo, aggiungiamo il riso e lo lasciamo tostare per qualche minuto, poi lo sfumiamo con mezzo bicchiere di vino bianco. Appena evaporato il vino, uniamo il brodo caldo che abbiamo preparato in precedenza, in questo caso consiglio del brodo vegetale.
Copriamo il riso con il brodo vegetale e lasciamo cuocere a fiamma bassa. Controlliamo la cottura e aggiungiamo del brodo, sempre caldo, se vediamo che il riso si sta asciugando. Nel frattempo ci dedichiamo alle mele. Ne tagliamo una di media grandezza prima a fette, poi a bastoncini e infine a cubetti. Guarda il video della ricetta qui sotto.

 
Possiamo usare le mele che abbiamo in casa, oppure scegliere la qualità delle mele renette, che sono farinose e nel risotto sono perfette! Ora scaldiamo una padella antiaderente sul fuoco e facciamo sciogliere del burro. Uniamo le mele che abbiamo tagliato e le lasciamo caramellare con i burro a fiamma dolce. Preferisco caramellare la mela a parte per avere proprio quel contrasto, fra il crunch della mela, e il morbido del risotto. Se mettiamo la mela in cottura insieme al risotto, si lesserà… ed’è come non averla messa. Controlliamo il risotto per non farlo asciugare troppo, quindi manteniamolo morbido e cremoso. Spegniamo la fiamma e aggiungiamo il burro a fine cottura per mantecarlo dolcemente. Aggiungiamo il parmigiano e proseguiamo la mantecatura. Non appena raggiungiamo una buona cremosità, uniamo le mele che abbiamo cotto in precedenza. Ora siamo pronti per impiattare il risotto alle mele! Qualche fettina di mela fresca per una piccola decorazione.

SEGUIMI SUI SOCIAL

noi single in cucina youtube