Tostapane: come sceglierlo

i-migliori-tostapane

Il miglior tostapane è un tostapane che tosta

Nessuna cucina è completa senza un tostapane. E sebbene siano facili da usare, acquistare quello giusto può essere più difficile di quanto pensi. Ci sono molti fattori da considerare.

Un tostapane è il migliore acquisto da fare perché costa poco e dura per sempre. Per la vita di un single, uno di quelli che non ha tempo di fare la spesa intelligente e oculata, il pane in cassetta è fondamentale nella dispensa e, avere un buon tostapane, si rivela sempre utile.

Non tutti hanno il tempo e la voglia di andare dal fornaio ogni santa mattina per comprare del buon pane fresco. Ecco perché il pane in cassetta ci salverà la cena o il pranzo, ed ecco perché un buon tostapane ci permetterà di avere un pane fragrante per accompagnare qualche piatto oppure un buon toast da mangiare al volo quando non si ha il tempo o la voglia di cucinare.

Il tostapane è un elemento fisso nella mia cucina, mi permette di avere sempre pane caldo e pronto in qualsiasi momento lo desideri. Lo uso quando sono al lavoro nel mio studio (come in questo momento) e non ho voglia di cucinare. Meglio farsi un paio di toast farciti e pronti in pochi minuti, caldi e fragranti. Che bello mangiarseli davanti al computer mentre lavori oppure guardando la televisione.

È perfetto per stuzzichini e mini tartine per l’aperitivo, basta avere qualche salsina nel frigorifero o prepararsi squisiti paté con il frullatore ad immersione. Per scaldare le brioche al mattino o il pezzo di pizza avanzata, non solo, anche il pane fresco che inevitabilmente avanza il giorno dopo.

federico-grilli

Se siamo alla ricerca di un buon tostapane noteremo che la varietà dei modelli e di opzioni si è allargata notevolmente da 30 anni a questa parte. Oggi possiamo scegliere fra quelli a 2 e 4 fessure, fra chi scalda solo il pane e chi permette di farcirli a doppia fetta. I migliori tostapane sono anche veloci e tostano il pane in maniera perfetta e uniforme su entrambi i lati, hanno le fessure abbastanza larghe per permettere di preparare toast farciti, e si puliscono con facilità.

TIPI DI TOSTAPANE

In commercio ne esistono due tipi, quelli che scaldano solo il pane, cioè la fetta singola, e quelli che permettono di preparare il toast farcito con due fette di pane.

Il primo tipo è più piccolo di dimensione e meno ingombrante. In genere sono economici e non hanno funzioni particolari. Il loro uso è solo per scaldare il pane in cassetta una fetta alla volta, e non permettono di fare toast farciti. A seconda del tipo di apertura che hanno, possono essere utilizzati tipi di pane diversi fra loro, cioè con spessori diversi della fetta. In genere hanno un meccanismo di inserimento con un telaio meccanico all’interno che afferra la fetta e la porta in cottura, quando si abbassa la leva posta sul lato dell’apparecchio. Terminata questa fase la fetta scatta verso l’alto pronta per essere presa e servita.

Il secondo tipo ha 2 fessure e le pinze per i toast, è più ingombrante e costoso perché, tolti i modelli basici, spesso offre diverse funzionalità. Grazie all’apertura generosa, di solito oltre 3 cm, permette di scaldare anche il pane classico oltre a quello confezionato. È spesso dottato di diverse funzioni e, in alcuni casi, di piccoli accessori utili per poterlo sfruttare al massimo. Più sono larghe le fessure di inserimento delle pinze porta pane, migliori saranno i toast farciti da scaldare! Senza dimenticare la possibilità di usare ogni tipo di pane confezionato.

Di questo modello esiste anche la versione senza la pinza per inserire il toast in cottura. In pratica adotta lo stesso sistema meccanico del modello che scalda solo il pane. Questo sistema è sconveniente per i toast farciti perché spesso vengono espulsi in maniera poco pratica. Sono difficili da prendere quando caldi e sporcano l’apparecchio molto di più del sistema a pinza. Anche se più belli da vedere ed esporre sul banco della cucina, sono una vera tortura nella loro pulizia.

TOSTAPANE: LE FUNZIONI

A seconda del modello che scegliamo ci possono essere funzioni diverse oltre a quella di base. Alcuni hanno la regolazione del calore per ottenere il pane più o meno tostato secondo il proprio gusto. Altri la possibilità di scongelare cibi semplici come pizzette e waffle, o di mantenere il calore per toast già cotti. Ci sono poi piccoli accessori, come cestelli di metallo e griglie, che vanno posizionati sopra le aperture del tostapane per usufruire del calore e scaldare le brioche del mattino!

Questo accessorio è ottimo anche per scaldare del pane avanzato senza accendere il forno elettrico, ma anche pizza e focaccia. I modelli più evoluti e costosi, sono dotati anche di un display digitale che permette di seguire la cottura, oltre che di poter usare tutte le altre funzioni in maniera più intelligente. Tutti i modelli sono dotati di un pratico vassoio raccogli briciole, generalmente posto alla base dell’apparecchio. Svuotandolo dopo ogni utilizzo, manteniamo il tostapane sempre pulito e in ordine.

 

tostapane-verticale-philips

TOSTAPANE: IL DESIGN

Il design è un altro degli aspetti che viene spesso preso in considerazione, a volte a scapito delle qualità tecniche. La voglia di esporlo sul proprio banco da lavoro è talmente forte che siamo disposti a passare molto più tempo a pulirlo che ad usarlo. Gli apparecchi di metallo sono veramente belli da vedere e lo rendono quasi una macchina volante, piena di leve e di manopole. Nessuno si sofferma a pensare alla fatica di pulirlo dopo ogni utilizzo, alla estrema facilità di lasciare le proprie impronte durante l’uso, e la grande facilità di sporcarsi nelle tante fessure di giunzione delle scocche in metallo. Io preferisco quelli in plastica, molto più facili da usare e da pulire e, anche se rimangono piccoli aloni, nessuno se ne accorge!

TOSTAPANE: COME SCEGLIERLO

La prima cosa da considerare è l’uso che ne vogliamo fane, solo in base a questo possiamo scegliere fra i diversi modelli a disposizione. Altro fattore è l’ingombro, fondamentale da valutare prima dell’acquisto. Calcoliamo lo spazio libero sul banco della cucina, o nel pensile dove riporlo.

Consideriamo sempre la larghezza delle fessure di entrata delle fette, maggiori saranno e migliore sarà il risultato. Larghezze minori delle fessure non permetteranno l’utilizzo di ogni tipo di pane oltre al fatto di non riuscire a scaldarlo uniformemente.

Verifichiamo la qualità degli accessori in dotazione e delle plastiche usate, potrebbero squagliarsi con uso prolungato dal calore emanato.

Ricordiamoci che i modelli in acciaio o cromati si sporcheranno con una facilità maggiore degli altri. Questo significa più tempo per pulirlo. Stessa cosa anche per le finiture in metallo. Meglio optare per finiture lisce e semplici evitando design troppo costruiti.

I comandi di controllo devono essere facili da utilizzare e ben evidenziati, possibilmente posizionati in un’area sicura del prodotto che non sia calda.

La temperatura del rivestimento esterno deve essere sufficientemente fredda durante la fase di cottura.

I modelli scintillanti con incredibili look non sono sempre all’altezza di buone prestazioni, un bell’aspetto non è sinonimo di buon prodotto.

Privilegiamo cavi elettrici lunghi e robusti con prese di tipo industriale, sarà più facile gestirlo sul tavolo per una colazione o un pranzo.

SEGUIMI SUI SOCIAL

noi single in cucina youtube

Ultimo aggiornamento Amazon 2022-01-26 at 23:44

Articoli consigliati